Home Attualità San Severino Marche, riunione per l’imminente demolizione dell’ITTS Divini

San Severino Marche, riunione per l’imminente demolizione dell’ITTS Divini

San Severino Marche, riunione per l’imminente demolizione dell’ITTS Divini
100
0

Si è svolta questa mattina, presso il Palazzo Studi della Provincia, la riunione tecnica per il coordinamento delle attività connesse alla demolizione e alla ricostruzione dell’ITTS “Eustachio Divini” di San Severino Marche. All’incontro hanno partecipato il Comandante dei Vigili del Fuoco di Macerata Cipriani, i tecnici del “Divini” Prosperi e Cicconofri, Tartabini dell’ASSEM e per la Provincia Mecozzi, Margione, Fattoretti, Pierucci e Marcucci.

Presente anche il Presidente Pettinari che ha voluto in prima persona assistere alla pianificazione delle attività da intraprendere per le operazioni di demolizione della scuola. Una pianificazione, quella decisa in mattinata, che prevede più fasi.

Sarà innanzitutto necessario provvedere al distacco e all’allontanamento di tutti i servizi quali l’energia elettrica, il gas e l’acqua. Successivamente verrà effettuato il recupero delle centrali termiche e dell’impianto fotovoltaico nonché di tutte le altre attrezzature presenti nelle aule scolastiche e nei laboratori didattici forniti di apparecchiature delicate e costose.

“Un operazione questa – ha precisato il Presidente – all’insegna del risparmio; verrà recuperato tutto il materiale didattico utile alla nuova scuola.  Si tratta di operazioni delicate in un ambiente di lavoro ad alto rischio per gli operatori; proprio per questa ragione i tecnici della Provincia in pieno accordo con il comandante dei VVFF di Macerata effettueranno nei prossimi giorni dei sopralluoghi per definire i diversi livelli di rischio sulle numerose parti della struttura scolastica in questione. Soltanto dopo la verifica si procederà con le operazioni di recupero e demolizione della scuola la cui ricostruzione non dovrebbe avere tempi lunghi. Non va dimenticato – ha aggiunto il Presidente –  che la Provincia, nell’estate scorsa, poco prima del terremoto, aveva appaltato per un milione e ottocentomila euro i lavori per la costruzione dei laboratori, attività attualmente sospesa perché la parte principale della scuola è stata resa pericolante dal sisma.”

(100)

LEAVE YOUR COMMENT