Home Attualità San Severino Marche, si farà la nuova sede dell’Istituto Tecnico “Divini”

San Severino Marche, si farà la nuova sede dell’Istituto Tecnico “Divini”

San Severino Marche, si farà la nuova sede dell’Istituto Tecnico “Divini”
221
0

“La realizzazione di una nuova sede per l’Istituto Tecnico Tecnologico Statale “Eustachio Divini” di San Severino Marche, già annunciata dall’assessore regionale Angelo Sciapichetti nel corso di un pubblico incontro ospitato in città, è ormai una certezza con la pubblicazione dell’Ordinanza n.14 del Commissario straordinario del Governo per la Ricostruzione nelle zone colpite dal sisma, Vasco Errani. Le istituzioni vanno ringraziate, Errani in primis, per il lavoro svolto sulla questione dell’Itts, scuola di proprietà della Provincia dichiara inagibile a seguito delle scosse di ottobre”.

Con queste parole il sindaco di San Severino Marche, ha espresso, “grande soddisfazione per l’inserimento del prestigioso Tecnico settempedano, scuola di riferimento per la formazione di molti studenti della provincia di Macerata, nell’elenco delle scuole da ricostruire predisposto da Errani. L’intervento, già annunciato dall’assessore regionale alla Protezione Civile, Angelo Sciapichetti, nel corso dell’incontro dal titolo: “15 settembre 2017, dove andremo a scuola?”, ospitato presso l’auditorium dell’Istituto comprensivo “Tacchi Venturi”, prevede un finanziamento di ben 9 milioni di euro. Così – sottolinea ancora il primo cittadino settempedano – si pone un punto fermo sul futuro del “Divini” che in questo periodo è alle prese con le iscrizioni. La costruzione della nuova scuola, che farà seguito all’abbattimento dell’edificio esistente, c’è stata assicurata per l’inizio del prossimo anno scolastico. Al contempo proseguiranno i lavori per la realizzazione delle nuove officine e dei nuovi laboratori, per i quali era già stato aperto un cantiere da parte della Provincia di Macerata”.

L’ordinanza, secondo quanto si legge nel testo della stessa, prevede la “costruzione di nuovi edifici scolastici definitivi, in sostituzione delle scuole che non possono essere oggetto di adeguamento sismico secondo la disciplina delle Norme Tecniche per le Costruzione per gli edifici strategici di classe d’uso IV, in ragione dell’esistenza di vincoli ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e s.m.i., ovvero dell’eccessiva onerosità degli interventi a tal fine necessari, da realizzarsi, per l’inizio dell’anno scolastico 2017-2018, con tecnologia a secco (strutture lignee, acciaio, cassero a perdere, calcestruzzo prefabbricato) nel rispetto della vigente disciplina di settore in materia di edilizia scolastica, con particolare riferimento alla disciplina delle norme tecniche per le Costruzioni per gli edifici strategici di classe d’uso IV, alla normativa in materia di risparmio energetico e di sicurezza antincendio”.

(221)

LEAVE YOUR COMMENT