Home Attualità San Severino Marche, cantiere per il Divini e due ritorni a casa

San Severino Marche, cantiere per il Divini e due ritorni a casa

San Severino Marche, cantiere per il Divini e due ritorni a casa
47
0

Riunione operativa a San Severino Marche nell’area di quello che sarà il futuro cantiere per la costruzione del nuovo Istituto Tecnico Tecnologico Statale “Eustachio Divini”. E’ la seconda seduta della Conferenza permanente chiamata ad approvare il progetto esecutivo della scuola che ospiterà 800 alunni in un edificio finanziato con 14 milioni di euro.

Il sopralluogo è servito per verificare l’organizzazione del cantiere ma anche per evitare interferenze con un altro cantiere già presente e avviato nei mesi scorsi per la costruzione di officine e laboratori abbattuti prima del sisma. Vi hanno preso parte il Responsabile unico del procedimento, la proprietà rappresentata dalla Provincia di Macerata, il sindaco del Comune di San Severino Marche, l’impresa esecutrice dei lavori, tecnici della Rete Ferroviaria Italiana e dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione. Entro la settimana la Conferenza dovrebbe concludere i lavori per avviare poi l’opera.

“Il Comune ha subito dato l’ok al Commissario per l’approvazione del progetto senza ulteriori modifiche per evitare altre perdite di tempo – commenta il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei -. Fin dall’inizio abbiamo chiesto di poter avere il nuovo edificio in tempo per l’avvio del nuovo anno scolastico”.

La scuola disporrà di 32 aule, nuovi laboratori, una nuova palestra e un’area esterna per la pratica sportiva. Sarà costruita su isolatori sismici e avrà una struttura in cemento armato e acciaio con un altissimo grado di sicurezza e di efficienza energetica.

A San Severino Marche sono anche i giorni del ritorno alla normalità per alcune famiglie alle prese con il post terremoto. Due di queste oggi potranno fare finalmente rientro a casa. Il sindaco Rosa Piermattei ha firmato la revoca dell’inagibilità disposta a seguito delle scosse di due anni fa. Gli edifici considerati di nuovo agibili sono ubicati in via Di Contro (una villa recuperata con opere finanziate per circa 160mila euro e seguite dall’ingegnere Federico Carboni) e in località Paterno (in questo caso un’abitazione singola per la quale sono state finanziate opere d’importo pari a 45mila euro seguite dal geometra Luca Rinaldi).

(Nella foto: il sindaco Rosa Piermattei durante la riunione)

(47)

LEAVE YOUR COMMENT