Home Spettacolo Musicultura, band La Base di Ascoli Piceno premiata alle audizioni live

Musicultura, band La Base di Ascoli Piceno premiata alle audizioni live

Musicultura, band La Base di Ascoli Piceno premiata alle audizioni live
74
0

La Base, band marchigiana in gara, ha conquistato il favore della giuria del Festival aggiudicandosi il premio “Un Certain Regard” per la migliore esibizione live nella serata di domenica, che ha chiuso il terzo week end delle audizioni di Musicultura Rai Radio 1. L’ambito riconoscimento delle audizioni live è stato consegnato al gruppo da Pamela Lattanzi, dell’Università di Macerata.

Con Il senso, Resti qui e Get Down, La Base (nella foto) di Ascoli Piceno, il   gruppo hip-hop/ neo-soul, formato dal rapper Kenzie, il cantante Massimo Cantisani, Francesco Fioravanti (chitarra), Davide Savarese (batteria), Tahnee Rodriguez ed Elisabetta Ferrari (cori), ha affascinato i presenti con musica ricca di fusioni tra armonie jazz, beat hip hop, soul e rap, verso un sound che si muove tra innovazione e tradizione.

“Siamo cresciuti suonando soul, facendo freestyle, ascoltando hip-hop e studiando jazz – ha dichiarato il gruppo –. E’ un’unione di cose diverse quello che vogliamo proporre, in Italia la commistione tra il soul e il rap è una cosa molto rara”. Proprio due giorni fa la band La base ha pubblicato il loro primo  Ep tutto autoprodotto.

Francesco Papageorgiou
Francesco Papageorgiou

Francesco Papageorgiou, di Parma, è stato il più votato in sala aggiudicandosi il Premio Val di Chienti Gradimento del pubblico. Papageorgiou nel 2014 si è presentato alle audizioni live di Musicultura con “I Musicanti di Grema” ma “come i quattro amici al bar di Gino Paoli – ha raccontato l’artista – col tempo i compagni di gruppo si sono allontanati tra donne e impieghi in banca. Così sono tornato a portare avanti la musica per conto mio”. Canta Amo la vita da farmi male, C’è una luce e Underground, accompagnato soltanto dal suo pianoforte, in un processo di sottrazione che apre a un contesto armonico e fantasioso.

Roberta Dragone, cantautrice e polistrumentista di Monza , ha offerto al pubblico e alla giuria i suoi tre brani:  Come Il vento, Il tuo palazzo e L’effetto che fa. Attualmente vive a Berlino, dove svolge la scholarship presso una scuola di musica elettronica, influenze che però non emergono nei brani che ha portato a Musicultura accompagnati solo dalla sua chitarra: “Questi pezzi prevengono da un album che ho registrato nel 2015. Ho avuto una formazione classica,  – ha raccontato Roberta  – è stata una scelta per dare più risalto ai testi”.

Riccardo Ceres, di Santa Maria Capua Vetere – CS,  direttamente  dal mondo del jazz,  ha proposto i suoi brani L’uomo è un animale che fuma, Tu vai con gli altri uomini e Vado a Milano, facendo vivere al pubblico l’atmosfera tipica  dei club. Una musica d’autore caratterizzata da dialoghi interiori che divengono poi canzoni: “Ho passato molto tempo nei club, – ha detto Riccardo –  scrivo quasi sempre di me stesso ma sono storie in cui anche gli altri possono riconoscersi.

Il duo di Barletta T;Nagaï, composto da Luca Gaigher e Cristina Pia Cascella, nome artistico che deriva dalla fusione dei loro nomi, ha presentato i brani Buffet, Grammatica e Valzer d’oro, i primi frutti del progetto al quale i due giovani si stanno attualmente dedicando. Suoni elettronici, tipici già di una produzione quasi discografica, accompagnano l’esibizione con percussioni e bassi: le tematiche a loro care sono quelle giovanili dell’amore raccontate attraverso le incomprensioni, i desideri e le aspirazioni. “Viviamo a Parigi e questo ha sicuramente influenzato la nostra musica, – ha dichiarato il duo –. I nostri riferimenti musicali sono i cantautori italiani, in particolare i testi e le musiche sperimentali di Max Gazzè”.

Per l’appuntamento con LiberiLibri è stato proposto al pubblico domenicale la lettura di Piero Piccioni di un estratto da “Il Cantante di camera” di Frank Wedekind, drammaturgo tedesco di fino Ottocento.

L’appuntamento è per venerdì prossimo 17 febbraio con l’apertura del quarto week end di audizioni live valide per la selezione dei sedici artisti finalisti in gara nel 2017.Tutte le info sugli artisti sull’app gratuita di Musicultura app to you!

(74)

LEAVE YOUR COMMENT