Home Attualità La Regione Marche contro micro e macro plastiche in Adriatico

La Regione Marche contro micro e macro plastiche in Adriatico

La Regione Marche contro micro e macro plastiche in Adriatico
27
0

Sviluppare nuove tecnologie per salvare le coste dell’Adriatico dalla minaccia delle micro e macro plastiche con l’aiuto di volontari, pescatori e diportisti. È questo l’obiettivo del progetto NET4mPLASTIC, finalizzato a raccogliere dati sulla distribuzione e la composizione delle microplastiche lungo le coste e le aree marine di Italia e Croazia presentato nei giorni scorsi ad Ancona, nella sede della Regione Marche. Ad illustrare l’iniziativa il gruppo di lavoro (nella foto) che l’ha ideata e che, in questo periodo, partito da Trieste, dopo aver raggiunto i partner progettuali croati, sta incontrando i partner italiani in diverse parti del Paese.

Il progetto, già avviato l’1 gennaio scorso e che avrà termine il 30 giugno 2021, è cofinanziato tramite 266.200 euro stanziati dalla Regione Marche e contributi UE per un ammontare di 2.478.640 euro nell’asse prioritario Ambiente ed eredità culturale.

Aderiscono al progetto la Regione Marche, l’Università di Ferrara, l’Università di Trieste, la società Hydra Solutions, la società Prosoft LTD, l’Istituto zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise, l’istituto di insegnamento per la salute pubblica (Contea Primorje-Gorski Kotar), l’Istituto pubblico Rera per il coordinamento e lo sviluppo di Spalato, l’Università di Spalato.

NET4mPLASTIC affronta il problema globale delle microplastiche (MP) e del loro accumulo sulle spiagge, sui fondali e negli habitat marini. La questione infatti è riconosciuta a livello mondiale, sono però limitati i dati disponibili relativamente ai micro rifiuti e alle MP nel Mare Adriatico e di fatto c’è una mancanza di informazioni affidabili sulla loro concentrazione e sulla composizione di polimeri nell’ambiente marino. Da qui nasce la necessità di migliorare e sviluppare metodi per ridurre i tempi ed i problemi nella identificazione e individuazione delle MP.

Verrà quindi realizzata una armonizzazione delle procedure di campionamento e di estrazione per aumentare le conoscenze sugli accumuli di MP in differenti contesti ambientali in quattro aree pilota ed anche una sistematica comparazione sui livelli di MP presenti sulle biocenosi, sulle spiagge e nell’ambiente marino, su scala regionale e locale.

La Regione Marche, da parte sua, attualmente dispone già di un modello matematico per la previsione degli spiaggiamenti, finalizzato al miglioramento della risposta costiera in caso di spiaggiamento di idrocarburi. Nell’ambito del progetto, il modello esistente verrà implementato, avvalendosi della collaborazione del CNR di Venezia, e simulerà i processi di trasporto marino delle MP nel mare Adriatico per identificare possibili zone di concentrazione, in accordo con gli apporti fluviali e le condizioni marine. I dati forniti dal modello serviranno a supportare il coordinamento nelle attività di recupero delle macroplastiche nell’ottica di affidare ai pescatori un ruolo nel risanamento degli ecosistemi marini.

Verrà inoltre implementata a livello regionale la rete di volontari, pescatori e diportisti, dedicata al rilevamento degli oil spills (sversamenti idrocarburi). I volontari convolti invieranno immagini georiferite alla sala di controllo, posta al primo piano di Palazzo Leopardi, sia relative alla presenza di idrocarburi in mare, sia alla presenza di macroplastiche affioranti. I dati relativi alle plastiche saranno utilizzati per quantificare il fenomeno e per migliorare le azioni di recupero.

Tutti i risultati e i dati progettuali, saranno archiviati in una piattaforma integrata e saranno utilizzati per prevedere le aree di accumulo delle MP e fornire un sistema di allertamento, utile per le autorità locali e per gli allevatori di molluschi. Infine, sarà analizzata la possibilità del riciclo di micro e macro plastiche e sarà testata una metodologia utilizzando un esistente brevetto internazionale.

(27)

LEAVE YOUR COMMENT