Home Attualità La Regione parte civile nei procedimenti contro ex dirigenti Banca marche

La Regione parte civile nei procedimenti contro ex dirigenti Banca marche

La Regione parte civile nei procedimenti contro ex dirigenti Banca marche
24
0

Con un breve comunicato, la Giunta Regionale ha informato di aver dato mandato agli uffici regionali di predisporre gli atti per la costituzione di parte civile nei confronti degli ex amministratori di Banca Marche.

“La gravità dei reati contestati – dichiara l’assessore Cesetti – il numero delle persone coinvolte determinano, secondo l’esecutivo regionale, un danno concreto e consistente nei confronti dei cittadini e dell’intera comunità regionale che l’Istituzione Regione Marche deve e vuole tutelare anche attraverso la costituzione di parte civile”.

cesetti2
L’assessore Fabrizio Cesetti

Quindi, sarà il servizio legale – ha detto Cesetti all’ANSA – a stabilire se la giunta ha titolo per avanzare richiesta di costituzione di parte civile già il primo marzo prossimo, quando davanti al Gup di Ancona compariranno l’ex Dg di Banca Marche Massimo Bianconi, e gli imprenditori Vittorio Casale e Davide Degennaro, indagati per corruzione fra privati in un filone stralcio dell’inchiesta ‘madre’, avviata dalla procura dorica nel 2013. Oppure, se l’esecutivo dovrà aspettare la chiusura dell’indagine principale, che vede indagate 36 persone tra ex amministratori di BM e di Medioleasing, ex componenti del vecchio Cda della banca e imprenditori, accusati di reati che vanno dall’appropriazione indebita alla corruzione fra privati, dal falso in bilancio alle false comunicazioni sociali e all’ostacolo alla vigilanza. A dodici degli indagati la procura contesta anche l’associazione per delinquere. ”Con la richiesta di costituzione di parte civile – sottolinea l’assessore – diamo corso ad un impegno assunto in Consiglio regionale. La Regione è la massima istituzione rappresentativa della comunità, e deve far valere le ragioni di tutela della popolazione. Il disastro di BM ha prodotto un danno all’immagine, credibilità, sicurezza, dignità e allo sviluppo economico delle Marche”. Nei giorni scorsi intanto la procura ha chiesto lo stato di insolvenza della vecchia Banca Marche: se il Tribunale accoglierà l’istanza, per gli ex vertici dell’istituto potrebbero profilarsi nuove accuse.

(24)

LEAVE YOUR COMMENT