Home Sport La Lube vince a Modena, è in finale scudetto

La Lube vince a Modena, è in finale scudetto

La Lube vince a Modena, è in finale scudetto
27
0

Nel tempio della pallavolo, il Pala Panini di Modena, la Lube conquista la finale tricolore. Centinaia i tifosi biancorossi arrivati in Emilia per sostenere i campioni d’Italia, che in Gara 4 della semifinale playoff della SuperLega sfoderano una prestazione di carattere.

Una vittoria in quattro set (25-19, 19-25, 25-20, 30-28) con l’Azimut Modena che chiude definitivamente la serie sul 3-1, portando la Cucine Lube Civitanova alla quinta finale scudetto della sua storia (domenica prossima Gara 1), la seconda di fila dopo quella vittoriosa della passata stagione contro Trento.

Per conoscere l’avversaria i cucinieri dovranno attendere Gara 5 di semifinale tra Perugia e Trento, che giovedì si giocherà in Umbria.

La partita

Medei conferma il sestetto titolare di Gara 3, con Sander a formare la diagonale di posto 4 insieme a Juantorena, e al centro la coppia tutta italiana Cester-Candellaro.

Il parziale d’apertura registra un dominio della Cucine Lube, che stacca i padroni di casa già in avvio sul servizio di Christenson (un ace, attacco out di Sabbi e successivo contrattacco vincente di Candellaro, 5-2), e poi allunga forte di un cambio palla piuttosto regolare (71% di positività in attacco contro il 48% degli emiliani) e di un muro (4 vincenti) che si fa puntualmente sentire quando la difesa di casa consente a Bruno di ricostruire. Il muro a uno di Juantorena su Ngapeth e il successivo primo tempo a rete di Holt segnano il massimo vantaggio Lube sul 19-13, + 6 che viene poi confermato quando Candellaro mette benissimo le mani sull’attacco di Sabbi, per il 21-15. Chiuderà sul 25-19 Sokolov, autore di 6 punti col 100% sulle schiacciate.

Ha invece tutt’altra trama il secondo set, nel quale i campioni d’Italia soffrono più del consentito in ricezione (39%) e si inceppano inspiegabilmente in attacco (38% di efficacia contro il 70% degli avversari), consentendo agli uomini di Stoytchev di andare sul 12-6 dopo qualche errore diretto di troppo. Sono Urnaut (5 punti, 71% in attacco) e Sabbi (6 con l’86%) gli uomini decisivi per la riscossa dell’Azimut, che chiude virtualmente il parziale dopo i due errori consecutivi in attacco di Sokolov e Juantorena, che scrivono il 17-23. Finisce 19-25, con un attacco di Sabbi.

Il terzo set vede le due squadre camminare a braccetto fino al 16 pari, poi è il velenosissimo servizio float di Enrico Cester a spezzare l’equilibrio: il centrale veneto esordisce con l’ace che vale il break sul 18-16, poi continua a mettere in netta difficoltà la ricezione di casa, favorendo il muro di Candellaro su Urnaut e il successivo contrattacco in pipe di Sander (21-16). E’ la zampata vincente per i campioni d’Italia, che sfoderano entrambi i centrali col 100% di positività sui primi tempi, e chiudono 25-20 dopo un errore in battuta di Tine Urnaut.

Il quarto parziale rischia di tramutarsi in incubo per i marchigiani, che avanti 22-18 si fanno recuperare da Modena, con la battuta di Ngapeth, fino al 23 pari. La Lube è attonita ma non demorde, annullando subito il set point agli avversari, quindi chiudendo la partita sul 30-28 al quinto match-ball con Juantorena, che sfrutta una grande difesa di Sokolov.

Il tabellino

AZIMUT MODENA: Bruno 1, Argenta, Van Garderen n.e., Tosi (L2), Rossini (L1), Ngapeth S. n.e., Sabbi 15, Ngapeth E. 21, Bossi n.e., Holt 8, Pinali n.e., Penchev n.e., Urnaut 16, Mazzone 7. All. Stoytchev.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 15, Candellaro 9, Sander 15, Marchisio, Juantorena 12, Casadei n.e., Stankovic n.e., Kovar, Grebennikov (L), Christenson 4, Cester 12, Milan n.e., Zhukouski. All. Medei.

ARBITRI: Cesare (RM) – Gnani (RA).

PARZIALI: 19-25 (25’), 25-19 (26’), 20-25 (31’), 28-30 (37’)

NOTE: Spettatori 5065, incasso 71.565 Euro. Modena: battute sbagliate 20, ace 4, muri vincenti 7, 37% in ricezione (17% perfette), 60% in attacco. Lube: battute sbagliate 15, ace 5, muri vincenti 8, 46% in ricezione (24% perfette), 57% in attacco.

I commenti

Osmany Juantorena: “Complimenti a tutta la squadra, abbiamo vinto a Trento mercoledì scorso e oggi qui al PalaPanini dove non è mai facile. E’ stata una gara di nervi, forse nel quarto set potevamo chiuderla prima ma l’importante è averla chiusa e che siamo in Finale Scudetto. Finché non cade l’ultima palla non è mai finita, lo sappiamo: siamo stati bravi a soffrire contro un Modena che ci ha provato fino in fondo. Siamo orgogliosi di questo risultato”.

Giampaolo Medei: “Abbiamo vinto contro una grande squadra, c’è grande soddisfazione oltre tutto perché veniamo da un periodo con tante partite difficili ed energie consumate. Battaglia è stata, come prevedibile, bravi i ragazzi a restare calmi nei momenti complicati. Siamo all’ennesima Finale di questa stagione, arrivare sempre in fondo non è semplice dunque prepariamoci al meglio per i prossimi appuntamenti”.

Davide Candellaro: “Nel quarto set abbiamo vinto lo stesso nonostante la rimonta subita nel quarto set, sono felice del risultato che abbiamo ottenuto su questo campo. Ora siamo in Finale, in Italia come in Europa, vogliamo finire al meglio una stagione davvero impegnativa”.

(27)

LEAVE YOUR COMMENT