Home Spettacolo Recanati, a Cinelinguaggi il primo film dei Beatles “Tutti per uno”

Recanati, a Cinelinguaggi il primo film dei Beatles “Tutti per uno”

Recanati, a Cinelinguaggi il primo film dei Beatles “Tutti per uno”
71
0

Mercoledì 25 luglio a Recanati chiude la rassegna Cinelinguaggi con il film “Tutti per uno” di Richard Lester (1964), ore 21.30 sulla terrazza del Circolo di Lettura e Conversazione, con ingresso gratuito.

Era il 1964 quando debuttava nei cinema di tutto il mondo “A Hard Day’s Night”, il film di Richard Lester che segnava la prima esperienza cinematografica dei Beatles e che, ancora oggi, è considerato uno dei pilastri del musical cinema. Film di rara modernità e libertà, capace di leggere un’epoca con grande attenzione, esattamente come faceva la musica dei Fab Four, “A Hard Day’s Night” è stato restaurato e rimasterizzato.

Primo film dei Beatles pieno di brillanti invenzioni mutuate dalla Nouvelle Vague e dal Free cinema. Un documento scanzonato e divertente di una stagione felice in cui le speranze di cambiamento erano quasi certezze.  Due giorni e una notte nella vita dei Beatles, o quantomeno nella versione romanzata e surreale della stessa. John, Paul, George e Ringo tra treni, stanze di hotel, locali da ballo, palcoscenici e orde di ragazzine urlanti e scatenate. Perfetto esempio di quando l’oggetto della più estrema caducità si trasforma in documento storico epocale, nel segno tangibile di una generazione e delle sue peculiarità, fondamentale per tutto quel che è seguito ancor più che per la sua contemporaneità.

La terza edizione di Cinelinguaggi, organizzata dall’Associazione Culturale lo Specchio in collaborazione con il Circolo di Lettura e Conversazione di Recanati, si è svolta tutta all’aperto, in un luogo raccolto e discreto, dove nelle tiepide notti d’estate gli spettatori hanno potuto godere l’esperienza, seduti comodamente, di esplorare il rapporto emozionale tra cinema e musica, dilungarsi parlando di cinema, degustando del buon vino  e ascoltando musica.

(71)

LEAVE YOUR COMMENT