Home Attualità Polizia di Stato: notte di controlli sulle strade, 16 patenti ritirate

Polizia di Stato: notte di controlli sulle strade, 16 patenti ritirate

Polizia di Stato: notte di controlli sulle strade, 16 patenti ritirate
171
0

La Polizia di Stato ha avviato ormai da mesi una campagna di prevenzione in numerose province, tra cui quella di Macerata, finalizzata al contrasto del fenomeno della guida in stato di ebrezza alcoolica o di alterazione dopo l’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope.

La novità dei servizi di controllo in questione risiede nell’utilizzo sperimentale di nuove prassi operative e di nuove tecniche di rilevazione dello stato di alterazione dei conducenti.

I controlli vengono attuati con la presenza di due pattuglie della Polizia Stradale e di un camper con a bordo personale medico della Polizia di Stato in grado di effettuare test per gli accertamenti sullo stato di alterazione. I luoghi normalmente scelti per il servizio sono posti lungo le arterie principali, dove maggiore è il traffico veicolare nelle ore notturne.

I risultati dell’operazione svoltasi sulle più importanti strade provinciali nella notte tra sabato e domenica hanno portato al controllo di 122 veicoli e di 129 persone, con 16 patenti ritirate a causa della rilevata guida in stato di alterazione psicofisica, con relativa denuncia penale dei conducenti.

La decisa azione di controllo e l’intensificazione dei servizi volti ad assicurare la sicurezza stradale e l’incolumità personale degli utenti della strada, obiettivo sempre presente nella strategia della Polizia di Stato, ha contribuito dal mese di maggio 2017, con 7 servizi straordinari di controllo di identificare 850 persone, controllare 680 veicoli e denunciare 75 persone per guida in stato di alterazione psicofisica e con conseguente ritiro della patente.

A margine dei servizi straordinari di controllo del territorio effettuati lungo la costa, personale della Polizia di Stato ha tratto in arresto un cittadino moldavo che si trovava presso una struttura ricettiva di Civitanova Marche, poiché destinatario di una misura cautelare emessa a giugno dal Tribunale di Teramo per tentata estorsione aggravata e reati in tema di prostituzione.

(171)

LEAVE YOUR COMMENT