Home Spettacolo Musicultura, alle audizioni bravi artisti e le storie di John Vignola

Musicultura, alle audizioni bravi artisti e le storie di John Vignola

Musicultura, alle audizioni bravi artisti e le storie di John Vignola
17
0

La musica dal vivo non si ferma, Musicultura al Teatro Lauro Rossi di Macerata continua a proporre le serate di grande spettacolo live con le audizioni degli artisti selezionati per il celebre Festival della canzone popolare d’autore.

Nella terza serata di domenica 21 marzo, il premio decretato dal pubblico per la migliore esibizione della serata, Targa Banca Macerata, è stato vinto dalla bella e giovanissima performer Gaia Gentile classe 1992 di Acquaviva delle Fonti, Bari. Con una voce raffinata e una grande presenza scenica Gaia Gentile si è esibita con i suoi brani Fuori tendenza e Meno male, testi ironici e schietti che trasmettono con naturalezza e spontanetà emozioni positive. Nonostante la giovane età, Gaia viene da una solida carriera di cantante tra cui la partecipazione come vocalist nell’orchestra della trasmissione televisiva Ballando con le Stelle di Milly Carlucci nell’edizione del 2017. Ha tenuto concerti e partecipato a festival in tutto il mondo e ha cantato al fianco di importanti artisti come Noa, Giò Di Tonno, Paolo Vallesi, Mario Rosini, Giuseppe Milici.

Noi artisti siamo un veicolo di emozioni, a me piace pensare di trasmetterle in maniera positiva ha detto Gaia Gentile -. Ho perso tempo a trovare la chiave per scrivere canzoni che arrivassero alle persone, ma finalmente ho capito che vince la mia naturalezza, la mia pancia, la spontaneità”.

musicultura
Gaia Gentile

 

A ricordare un momento storico speciale in cui la musica dal vivo ha segnato un punto di svolta, John Vignola, critico musicale, giornalista e  conduttore radiofonico di Rai Radio 1, la radio ufficiale di Musicultura.

John Vignola ha rievocato il concerto in cui il rock si rappresenta per la prima volta come un momento culturale, siamo nel 1967 a Monterey, dal 15 al 17 giugno, tre giorni di pace amore e musica con i miti della generazione dell’epoca dove vengono consacrati due artisti neri da un pubblico di bianchi: Otis Redding cantante di soul straordinario e Jimmi Endrix che “brucia” la sua prima chitarra. Un concerto live molto più bello e più libero di Woodstock, che si tenne qualche anno dopo.

Le Audizioni Live di domenica hanno visto sul palco del Teatro Lauro Rossi altri bravi e giovani artisti.

Calde atmosfere musicali su testi di sentimenti ed emozioni quelle proposte dai Brugnano, il duo di Napoli composto dai fratelli Antonio e Gianluca, nelle canzoni  Acqua gelida e Canzoni da mangiare insieme, un brano nato durante la pandemia. Provenienti da percorsi differenti, Gianluca batterista turnista tra il jazz e il pop e Antonio autore per molti artisti, nel 2018 dedicidono di dar vita al nuovo progetto insieme pubblicando alcuni brani e dopo un anno firmano con l’etichetta romana Luppolo Dischi.

musicultura
Brugnano

Ciao sono Vale, al secolo  Valeria Fusarri, classe 1998, di Lovere (Bg) ha proposto i brani Tutto ciò che vuoi e Xanax una ballad autobiografica e diretta, dove racconta la dipendenza causata dai farmaci per curare la depressione. Dopo una lunga gavetta di prove, concerti ed esperienze da busker, realizza diverse cover e quattro inediti. Nel 2018 vince le audizioni di Honiro. Il 29 Marzo 2019 è uscito il suo singolo “Delay” regalandole grandi soddisfazioni e l’apertura a San Giovanni del concerto del 1° Maggio. SOS è il primo album ufficiale per l’etichetta Honiro, realizzato insieme a Matteo Costanzo, Tony Pujia e la partecipazione di Marco Masini.

musicultura
Ciao sono Vale

Sonorità ambient, alternative ed elettroniche con venature dark quelle proposte da Cranìa, Francesca Cominassi classe1992, della Valcamonica, Brescia, che ha proposto Stomachion, un puzzle umano e personale un viaggio interiore dell’artista  e l’intensa Cosa è Cambiato. Cranìa, dopo una  laurea in musicologia, approda alla Mirò Music School di Sedriano, nel 2020 esce il primo singolo Stomachion, A fondo è il suo ultimo brano, in rotazione radiofonica e sulle piattaforme streaming dal 29 gennaio.

musicultura
Cranìa

Gabriele Mvsa, all’anagrafe Gabriele Rosciglione, nato a Roma nel 1997 si è esibito con  Anime di carta e Normale, brani che arrivano nella sua mente prima in forma di immagini e poi di musica.Nel 2015, a soli 17 anni, partecipa nella sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo con il nome d’arte Kaligola, vincendo il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo   di Oltre il giardino che da il titolo anche al suo album di debutto. Negli anni successivi sviluppa uno stile musicale più maturo, legato a sonorità indie-pop e trap, ritornando ufficialmente nella scena musicale nel 2020, con il singolo Anime di Carta e con il nome di “Gabriele Mvsa”.

musicultura
Gabriele Mvsa

Questa sera, lunedì 22 marzo alle ore 21, saliranno sul placoscenico del Festival: The Pax Side of the Moon (Brianza), Il Generatore di Tensione (Bologna), Miglio (Brescia), Donix(Napoli), Francesca Miola (Venezia), Lorenzo Lepore (Roma), La Tarma (Bologna).

Domani sera, martedì 23 marzo, atteso ospite della serata Diego Bianchi l’amato Zoro della trasmissione televisiva Propaganda Live. A esibirsi in streaming con le loro canzoni  saranno gli artisti: Giulia Ventisette (Firenze) Carlo Corallo (Ragusa) Emanuele Patti (Milano) Assurditè (Milano) Marcello Gori (Genova)   Lorenzo Pucci (Roma) e Sixteen (Altamura, BA).

Le Audizioni Live di Musicultura fino al 28 marzo presentano 63 artisti selezionati su oltre 1000 iscritti in concorso 2021. Sono 12 band e 51 solisti, di cui 23 ragazze e 28 ragazzi, da tutta Italia per un totale di 250 artisti, con oltre 50 maestranze all’opera.

Le serate al Teatro Lauro Rossi di Macerata possono essere seguite in diretta streaming sulla pagina Facebook di Musicultura alle ore 21.

Info: www.musicultura.it

(17)

LEAVE YOUR COMMENT