Home Turismo Macerata, Trekking Urbani per una città sostenibile

Macerata, Trekking Urbani per una città sostenibile

Macerata, Trekking Urbani per una città sostenibile
92
0

Sabato 5 e poi il 12 giugno tornano i Trekking Urbani organizzati dal Comune di Macerata tramite il Centro di Educazione Ambientale Parco di Fontescodella per l’iniziativa Regione Marche Sostenibile – Giugno in Natura, sostenuta dal Ministero per la transizione ecologica e coordinata della Regione Marche.

I Trekking urbani verranno effettuati con tre differenti itinerari tematici per conoscere meglio il territorio e scoprire i segreti della città di Macerata.

Il primo itinerario riguarderà Le fonti storiche, misteriosi monumenti di altri tempi che hanno scandito la quotidianità dei maceratesi. Il trekking sarà condotto da una guida ambientale escursionistica e da una guida turistica. In questo trekking la parte naturalistica sarà destinata allo studio del paesaggio e del territorio delle colline maceratesi, con cenni sulla flora e la fauna urbana che possiamo trovare in questo territorio.

Il secondo percorso sarà tra Le aree verdi urbane dell’ex Manicomio, di Villa Lauri e del Sasso d’Italia e il loro patrimonio arboreo. In questo itinerario si prevede anche la visita all’Ecomuseo delle Case di Terra di Villa Ficana e la sua mostra all’aperto “TIERRA REVIVIDA”. Il trekking sarà condotto da una guida ambientale escursionistica, alla visita dell’Ecomuseo di Villa Ficana penseranno gli operatori museali dell’associazione Gruca onlus.

Terzo itinerario Alla scoperta della biodiversità animale: l’avifauna urbana. Il trekking sarà realizzato dall’associazione Ornitologi marchigiani e prevede una passeggiata intorno alle mura con soste per osservazione del rondone e di altre specie di uccelli nidificanti e migratori.

Gli appuntamenti sono dedicati a grandi e piccoli. Un buon paio di scarpe sarà l’unica cosa che occorre per partire alla scoperta della città e comprendere che in fondo per essere veramente felici non bisogna andare troppo lontano.

Tutti i trekking urbani partiranno dal piazzale del CEA all’interno del Parco di Fontescodella. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria via mail all’indirizzo ceamacerata@risorsecoop.it.

Il programma di sabato 5 giugno: ore 17 Le fonti storiche di Macerata, una passeggiata alla scoperta dell’importanza che hanno avuto le fonti presenti in città; ore 17.30 A spasso per il verde della città, visita guidata alle aree verde dell’ex manicomio, di villa Lauri, dell’Ecomuseo di Villa Ficana e del Sasso d’Italia.

Il programma di sabato 12 giugno: ore 10 A spasso per il verde della città; ore 17 Le fonti storiche di Macerata; ore 17.30 Alla scoperta dell’avifauna urbana, a cura dell’associazione Ornitologi Marchigiani, percorso alla scoperta dei segreti del rondone e di altre specie di uccelli.

macerata

Obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare la cittadinanza sulla strategia regionale dello sviluppo sostenibile. L’agenda 2030 indica la buona strada, l’informazione e la sensibilizzazione sulla sostenibilità sono il motore degli obiettivi che si intendono raggiungere.

Tutti i CEA della Regione Marche sono coinvolti in eventi per favorire la vita all’aria aperta e alle esperienze di sostenibilità per tutto il mese di giugno.

“Il turismo lento, la sostenibilità, la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e ambientale della Città – ha affermato l’assessore comunale allo Sport e al Turismo Riccardo Sacchi – aderiscono perfettamente alle misure del nuovo piano regionale del Turismo che detta la linea della collaborazione con Regione Marche. Ringrazio il Cea Fontescodella e quanti collaborano alla realizzazione di questa iniziativa che interesserà due weekend di giugno, dimostrando ancora una volta che Macerata sa esprimere, attraverso i suoi attori, un’attenzione e una competenza su tematiche centrali. Capacità, attori ed eventi che sosteniamo con convinzione con lo sguardo dritto verso il 2022 anno di Macerata Città Europea dello Sport”.

“La biodiversità è un argomento che abbiamo molto a cuore – ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Laura Laviano -. Se si pensa all’etimologia della parola, in cui bios dal greco significa vita e diversitas dal latino significa diversità, se ne capisce l’importanza. La biodiversità nelle nostre città sta scomparendo, principalmente a causa delle azioni scellerate dell’uomo, dell’inquinamento e del cambiamento climatico. La scomparsa di una specie, sia essa animale che vegetale, può avere un impatto molto grave. Un esempio potrebbe essere la scomparsa dei rondoni e l’aumento smisurato dei piccioni. Ho avviato un confronto con una esponente dell’Associazione Ornitologi Marchigiani. Sono certa che in collaborazione con il CEA potremmo dare vita a progetti mirati per la salvaguardia della biodiversità”.

(92)

LEAVE YOUR COMMENT