Home Spettacolo Macerata: musica, teatro e poesia animano il centro storico

Macerata: musica, teatro e poesia animano il centro storico

Macerata: musica, teatro e poesia animano il centro storico
61
0

Il centro storico di Macerata si è particolarmente animato mercoledì sera in tre diverse location, che hanno ospitato artisti per gli appuntamenti della Festa della musica, del teatro e della poesia, organizzata da Arci Macerata con il patrocinio del Comune di Macerata.

Un format nuovo e particolare per questo tradizionale appuntamento, che ha assunto un significato profondo vista la precarietà che sta vivendo l’intero settore della cultura e dell’arte. Precarietà che riguarda sia le figure professionali sia quelle amatoriali, ma anche i luoghi e gli spazi.

Il primo appuntamento si è tenuto nel Cortile Municipale con un’antologia che attraverso una selezione di scrittori ha raccontato come negli anni è stato ucciso il lavoro. La realizzazione è stata a cura dell’Associazione Culturale Picus.

macerata

La Galleria Scipione si è riempita per lo spettacolo teatrale Animalìe, atto musicale contro l’estinzione degli animali immaginari, a cura di Teatro Rebis.

La serata è poi proseguita ancora nel Cortile Municipale, con la poesia dei Paesi natii dei nuovi maceratesi, a cura di Filippo Davoli. Un appuntamento che ha visto anche la partecipazione di Bahar Ghaempanah (pittrice), Pierbolla (artista di strada), Daniele Rebuado (musicista).

macerata

La serata si è poi conclusa in centro storico, Piazza Vittorio Veneto, con tre spettacoli. L’inizio ha visto protagonista Arci Voce e il Duo Acefalo con racconti e musica sul tema della precarietà del lavoro. Poi ancora storie, canzoni ed emozioni in un Diario di viaggio a cura di Marco Di Stefano, che ha visto partecipare anche Sandro Dall’Omo degli Skiantos. L’ultimo concerto è stato quello dei Leatherette, con i loro suoni ispirati all’indie rock anni ’90.

La festa si è conclusa con un Dj set riservato ai soci Arci presso il Circolo Jungle.

macerata

«C’è grande soddisfazione – ha affermato Massimiliano Sport Bianchini, Presidente di Arci Macerata e di Arci Marche – per aver portato così tanti artisti e così tanta gente di nuovo in piazza, nei luoghi che sono da sempre spazi vitali per la cultura e l’associazionismo. Stasera abbiamo avuto un pubblico trasversale, che si è spostato appositamente per seguire questi artisti che tanto rappresentano per il nostro territorio. Voglio sottolineare che personaggi del calibro di Andrea Fazzini, Meri Bracalente e Filippo Davoli  sono tornati ad esibirsi a Macerata proprio alla nostra Festa, dopo molto tempo. Questo ha fatto sì che molte persone venissero ad ascoltarli. Questo format ha avuto successo e certamente lo riproporremo in futuro, perché continueremo questa battaglia in favore degli spazi e delle persone».

(61)

LEAVE YOUR COMMENT