Home Sport La Nazionale italiana di volley saluta Civitanova Marche

La Nazionale italiana di volley saluta Civitanova Marche

La Nazionale italiana di volley saluta Civitanova Marche
49
0

Con l’ultimo allenamento all’Eurosuole Forum, la Nazionale italiana di volley ha salutato Civitanova Marche. I due collegiali e il test match con la Slovenia hanno fatto registrare un grande entusiasmo. Tanto pubblico agli allenamenti a porte aperte e palasport tutto esaurito (4000 spettatori) nell’amichevole di mercoledì sera di fronte alle telecamere di Rai Sport.

Un successo anche per la Lube Volley che ha organizzato l’evento in collaborazione con lo staff della Federazione Italiana Pallavolo. Venti giorni che resteranno nella storia del club e della città per la prima assoluta dell’Italvolley a Civitanova Marche. Un ringraziamento va anche agli sponsor che hanno contribuito alla realizzazione di tutto questo.

Ora l’Eurosuole Forum, dopo l’apertura speciale estiva dedicata gli azzurri, attende la ripresa della stagione 2019-20 dei campioni italiani ed europei della Cucine Lube Civitanova. Appuntamento a fine agosto, intanto saranno definiti data e programmi del raduno dei cucinieri che torneranno al lavoro sotto la guida di Fefè De Giorgi dopo circa tre mesi dall’ultima gara ufficiale, la trionfale finalissima di Champions League a Berlino.

Dopo Civitanova Marche gli azzurri saranno a Chieti, dove venerdì alle ore 18 (diretta Rai Sport HD) è in programma il secondo incontro amichevole con la Slovenia.

La partita di Civitanova Marche

Il test match Italia-Slovenia nell’Eurosuole Forum strapieno di spettatori ed entusiasmo, prima storica gara degli azzurri a Civitanova, si è concluso con un grande successo per 3-1 (25-22, 27-29, 25-12, 25-14).

L’Italia comincia con una vittoria la sua marcia di avvicinamento al Torneo di Qualificazione Olimpica in programma a Bari dal 9 all’11 di agosto. Sotto gli occhi del presidente Cattaneo, i ragazzi di Gianlorenzo Blengini hanno offerto una buona prova che fornirà al tecnico tricolore le primissime, importanti indicazioni di una preparazione che andrà progressivamente migliorando in vista dell’appuntamento clou di questa stagione 2019.

Le due squadre hanno comunque dato vita a una gara interessante, non risparmiandosi anche se ovviamente la condizione fisica non è ancora ottimale.

Come formazione iniziale Blengini ha scelto la diagonale Giannelli-Zaytsev, Lanza e Junatorena gli schiacciatori, Anzani e Piano centrali con Colaci libero. Dall’altra parte della rete la Slovenia è stata schierata con Ropret in palleggio, Toncek Stern opposto, Urnaut e Cebulj martelli, Pajenk e Kozamernik centrali con Kovacic libero. Naturalmente con il passare dei minuti Blengini ha concesso spazio a gran parte dei suoi ragazzi.

Il primo set è stato equilibrato con le squadre che hanno giocato a viso aperto anche se naturalmente non sono mancati gli errori da una parte e dall’altra. Gli uomini di Blengini sono partiti meglio, ma gli sloveni, approfittando di qualche sbavatura degli azzurri, sono lentamente rientrati in partita riuscendo a impattare la situazione sul 19-19, momento in cui Juantorena ha lasciato spazio ad Antonov. Da lì e fino al 22-22 le squadre sono rimaste a contatto, ma proprio nel finale gli azzurri hanno piazzato il break decisivo che ha permesso loro di chiudere 25-22 in proprio favore il primo parziale.

Nel secondo parziale sul 12-12 un buon turno al servizio di Zaytsev ha spezzato l’equilibrio. A quel punto però Giuliani ha cambiato palleggiatore inserendo Vincic e gli sloveni ancora una volta sono riusciti a rimanere a contatto (21-19 Italia, 22-22). Il finale di parziale ha offerto sprazzi di bel gioco con le squadre che si sono alternate al comando. Dopo un botta e risposta protrattosi a lungo e alla seconda palla set utile (dopo che anche gli azzurri avevano avuto la possibilità di chiudere in proprio favore andando a servire sul 27-26) gli sloveni hanno vinto 29-27 impattando la gara sull’1-1.

Nel terzo set Blengini ha dato spazio a Nelli e Mazzone concedendo riposo a Zaytsev e Anzani, continuando a schierare Antonov al posto di Juantorena. I cambi effettuati hanno sortito un buon effetto con l’Italia che è riuscita a portarsi sul 12-6, vantaggio poi gestito (16-8, 21-9) fino al termine del set vinto sul punteggio di 25-12.

Nel quarto e ultimo set il CT azzurro ha cambiato ancora lasciando in campo Cavuto al posto di Lanza (entrato per la prima volta nel parziale precedente) e concedendo un po’ di passarella a Fabio Balaso per la gioia dei tifosi marchigiani. Gli azzurri hanno però mostrato maggiore determinazione chiudendo in proprio favore set e match grazie al 25-14 che ha decretato il 3-1 conclusivo.

Il tabellino

Italia-Slovenia 3-1 (25-22, 27-29, 25-12, 25-14)

Italia: Anzani 6, Giannelli 4, Juantorena 2, Piano 10, Zaytsev 10, Lanza 7, Colaci (L). Antonov 14, Nelli 7, Pesaresi, Sbertoli, Mazzone 3, Cavuto 6, Balaso (L). Ne: Russo, Kooy, All: Bengini

Slovenia: Pajenk 5, Stern T. 7, Cebulj 13, Kozamernik 9, Ropret 1, Urnaut 11, Kovacic (L). Stalekar 2, Stern Z., Vincic, Gasparini 3. Ne: Videcnik, Klobucar (L), Mozic. All: Giuliani

Arbitri: Frapiccini, Feriozzi

Durata set: 30’, 33’, 23’, 24’

Spettatori: 3980

Italia: a 10 bs 19 mv 10 et 26

Slovenia: a 3 bs 17 mv 7 et 33

(49)

LEAVE YOUR COMMENT