Home Sport La CBF Balducci HR Macerata perde male in tre set a Olbia

La CBF Balducci HR Macerata perde male in tre set a Olbia

La CBF Balducci HR Macerata perde male in tre set a Olbia
16
0

La CBF Balducci HR Macerata perde male nella trasferta sarda contro l’Hermaea Olbia, subendo un netto 3-0 con un triplo 25-19.

Le ragazze di coach Luca Paniconi chiudono il girone di andata al terzo posto (20 punti), non approfittando dei contemporanei passi falsi di San Giovanni in Marignano (22 punti) e Brescia (21 punti), che le precedono in classifica.

Compromesso anche il passaggio diretto della prima fase di Coppa Italia, così domenica prossima la CBF Balducci incontrerà in gara unica al Banca Macerata Forum la Ranieri National Soverato.

Con la vittoria, invece, l’Olbia delle ex Maruotti e Renieri ottiene il sesto posto (18 punti) e la qualificazione alla Coppa Italia.

La partita

Il tecnico di casa Dino Guadalupi parte con la diagonale Allasia-Renieri, Miilen e Maruotti schiacciatrici, Babatunde e Barbazeni centrali e Caforio libero.

Nelle file di Macerata Martinelli torna dall’inizio al centro con Pizzolato, accanto alle consuete coppie Ricci-Stroppa in diagonale e Fiesoli-Michieletto in banda, il libero è Bresciani.

cbf balducci

Avvio di gara subito in salita quando Barbazeni in primo tempo trova il 4-3 e va in battuta, turno che produce un break di 4 punti con 2 suoi aces e gli attacchi di Renieri e Babatunde. La CBF Balducci fatica a sfruttare il cambio palla anche perché in battuta non mette quasi mai pressione alla ricezione dell’Hermea, che ha quindi pochi problemi a gestire il gioco fino al 9-15, quando Macerata, con gli attacchi di Martinelli e Stroppa accorcia inducendo Guadalupi al time-out. La pausa fa bene alla formazione sarda che continua a picchiare forte con Barbazeni al centro. L’ace di Maruotti e l’attacco di Miilen fruttano una serie di set ball per Olbia (15-24). Ghezzi, subentrata a Michieletto, ne annulla uno con un ace, due ne annulla Fiesoli con due pipe, ma è Allasia, con un attacco di seconda, a porre fine al set.

CBF Balducci che cerca di partire meglio nel secondo set, sul 5-6 il primo tempo di Pizzolato e la fast errata di Babatunde aprono un piccolo solco di +3 per Macerata, prima che Miilen si carichi sulle spalle l’attacco di casa ricucendo il gap. Sono allora Stroppa e Fiesoli a riportare avanti le ospiti; la pipe di Renieri e l’ace di Barbazeni rimettono tutto in equilibrio sul 14 pari. Macerata prova di nuovo a strappare con il gioco al centro di Pizzolato e Martinelli ma Olbia risponde con 2 aces di Babatunde (19-18), prima che Renieri si prenda la scena nel finale di set con una serie di attacchi dalla seconda linea che piegano la difesa marchigiana.

Miilen e Babatunde sono sempre ostiche per Macerata, che nel terzo set fatica anche molto di più in attacco mentre la ricezione positiva di Olbia si attesta su un autorevole 74% nel parziale. La schiacciatrice estone trova il massimo vantaggio sull’11-5. Entra Cosi in casa Macerata per dare forze fresche al gioco centrale della CBF Balducci. La nuova entrata e Pizzolato aiutano la formazione di coach Paniconi ad accorciare fino al 19-16. Maruotti porta Olbia a quota 20 e le ospiti non riescono più a sfuttare il cambio palla. Sono allora gli attacchi da seconda linea ancora di Renieri a chiudere la contesa.

cbf balducci

VOLLEY HERMAEA OLBIA-CBF BALDUCCI HR MACERATA 3-0

VOLLEY HERMAEA OLBIA: Barbazeni 10, Allasia 3, Fezzi ne, Miilen 16, Buselli ne, Renieri 16, Minarelli ne, Maruotti 4, Caforio (L), Severin ne, Gerosa, Formaggio, Babatunde 8. All. Guadalupi

CBF BALDUCCI HR MACERATA: Bresciani (L), Martinelli 6, Cosi 2, Michieletto 4, Gasparroni, Ghezzi 4, Ricci 2, Stroppa 12, Peretti, Pizzolato 8, Fiesoli 4, Malik ne. All. Paniconi

ARBITRI: Adamo, Grossi

PARZIALI: 25-19 (23’), 25-19 (24’), 25-19 (25’)

NOTE: Hermaea 6 errori in battuta, 8 aces, 67% ricezione positiva (42% perfetta), 40% in attacco, 3 muri vincenti; CBF Balducci 3 errori in battuta, 2 aces, 44% ricezione positiva (19% perfetta), 34% in attacco, 3 muri vincenti.

(Foto di Luigi Fiori)

(16)

LEAVE YOUR COMMENT