Home Spettacolo Andrea Roncato attore nella Battaglia del Pian Perduto

Andrea Roncato attore nella Battaglia del Pian Perduto

Andrea Roncato attore nella Battaglia del Pian Perduto
58
0

Una commossa, spontanea dichiarazione d’amore e insieme una vigorosa esortazione a resistere e dunque a restare, “perchè queste meravigliose montagne sarebbero ‘sole’ senza la vostra presenza, e voi sareste ‘soli’ senza la loro grande ombra”, ha emozionato il pubblico che sold out a Castelsantangelo sul Nera ha tributato il trionfo, tutto di cuore, ad Andrea Roncato.

“Che non ci ha pensato un attimo a dirmi si e venire a Castelsantangelo sul Nera per interpretare Arbillo, il comandante dell’esercito norcino sconfitto dai vissani nell’epica Battaglia del Pian Perduto, combattuta nel 1522 per un faggio tagliato e le botte a un guardiacaccia”, racconta il regista maceratese Pietro Romagnoli, amico del popolare attore e autore della pièce teatrale.

Andrea Roncato
Andrea Roncato e Mauro Falcucci con il cast dello spettacolo

Lo spettacolo che rievoca la celebre battaglia è stato messo in scena sabato sera (la folta platea ha sfidato un freddo serale semi-invernale) sul piazzale della Sala Polivalente, nel contesto delle manifestazioni del 2° Forum regionale della Montagna (istituito lo scorso anno per legge) a cura del Comune.

L’eterno seduttore di cinema e Tv, nei panni dell’anti-Brancaleone da Norcia (e anche no) è stato sedotto dai Sibillini e dal fascino congiunto di Natura&Storia.

“Anche la Sibilla non era però mica male…”, non ha smesso mai di scherzare Andrea Roncato che ha promesso di tornare a Castelsantangelo sul Nera, insieme con la moglie. Magari come cittadino onorario. Chissà?!

Andrea Roncato
Pietro Romagnoli, Mauro Falcucci, Cecilia Cesetti e Andrea Roncato

E’ stata davvero una serata indimenticabile, perla di una collana mai interrotta nel segno delle rievocazioni delle mitica Battaglia per il Pian Piccolo. “Neppure nel 2017, l’anno dopo il terremoto del Centritalia con Castello epicentro”, ha ricordato dal palco il sindaco Mauro Falcucci.

Già, dal 24 agosto prossimo gli anni trascorsi dalla calamità, la prima di tante altre scosse devastanti di cui ancora si vedono tante rovine, sono sette.

Andrea Roncato
Roberta Staffolani e Cecilia Cesetti

L’allestimento della pièce, con intermezzi musicali, è avvenuto a tempo di record.

Nel cast della Compagnia Lucaroni di Mogliano, allargato ad attori della Compagnia Totò di Pollenza e de I Picari di Macerata, da segnalare la sindaco di Mogliano Cecilia Cesetti. Eccellente la sua interpretazione di Santa Margherita.

Narratore lo stesso Pietro Romagnoli nelle vesti del poeta/pastore Berrettaccia, Marco Scarponi è stato il vissano Giorro, protagonista principale con il malcapitato e percosso guardiano di Canetra, Paolo Moretti.

Andrea Roncato

Guest star Andrea Roncato, che da capitan Arbillo (amante del vino e delle donne) sul palco ha tenuto a contestare i numeri della storia.

“Fermo restando che noi norcini assommavamo a 5.930, i vissani in realtà erano di più dei 600 che si disse. Per la precisione 620. E le cose allora dovranno essere viste per forza… diversanente”.

Andrea Roncato e Maurizio Verdenelli

Pieno di simpatia per il messaggero di Visso, Gregorio Stoia, un ragazzino con l’argento vivo addosso.

Altri interpreti Giampiero Vitturini (Gabelliere di Norcia), Paola Cruciani (la moglie del povero contadino di Norcia), Maurizio Conti (Banditore di Visso), Maurizio Vallesi (Governatore di Visso), Roberta Staffolani (Margherita la locandiera).

Con loro i musicisti Serena Cavalletti (voce e violino) e Marco Monina (chitarra).

Maurizio Verdenelli

Andrea Roncato e Maurizio Verdenelli con alcuni abitanti del villaggio SAE

 

 

(58)

LEAVE YOUR COMMENT