Home Attualità San Severino commemora la liberazione e gli eccidi del 1944

San Severino commemora la liberazione e gli eccidi del 1944

San Severino commemora la liberazione e gli eccidi del 1944
76
0

Domenica 3 luglio la città di San Severino Marche torna a commemorare gli eccidi di Chigiano e Valdiola in occasione del 72esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Il Comune e la sezione Anpi “Cap. Salvatore Valerio” ricorderanno le vittime dei tragici fatti di sangue nel corso di una cerimonia che avrà inizio alle ore 16,30 presso il ponte di Chigiano. Dopo una santa messa sono in programma il saluto del sindaco, Rosa Piermattei, e gli interventi delle autorità. Seguirà l’orazione ufficiale affidata a Matteo Petracci dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea “Mario Morbiducci” di Macerata. Al termine canti della Resistenza con il “Tourdion Ensemble” e merenda sui prati. Presterà servizio anche il Corpo filarmonico bandistico “Francesco Adriani”.

Era il 24 marzo del 1944 quando i reparti del 1° Battaglione “Mario”, e ingenti forze italo-tedesche, si fronteggiarono nella storica battaglia di Valdiola, nel corso della quale caddero sul campo il capitano Salvatore Valerio e altri partigiani. Nello stesso giorno altri partigiani persero la vita nell’eccidio del Ponte di Chigiano. Il 26 aprile 1944 il Battaglione “Mario” fu di nuovo impegnato in uno scontro a fuoco con reparti italo-tedeschi che furono respinti con gravi perdite. Di lì a poco i militari sfogarono la loro rabbia nell’eccidio di Valdiola. Proprio di una battaglia si parlò nei comunicati d’encomio del Comando alleato e nei notiziari di Radio Londra, Radio Mosca e Radio Roma. Secondo notizie storiche il 23 e 24 marzo del 1944 oltre duemila unità presero parte agli scontri.

“Da Braccano, dove furono uccisi il parroco don Enrico Pocognoni, la sorella ed un contadino, nonché da altre direzioni – si ricorda in una relazione sui fatti della guerra partigiana a San Severino, a firma del professor Gualberto Piangatelli – le truppe salirono verso Valdiola dove il primo a cadere combattendo per salvare i propri uomini fu il capitano Salvatore Valerio, medaglia d’oro al Valor Militare. Caddero con le armi in pugno anche Rolando Pesaresi, Augusto Filippi, un partigiano slavo ed uno francese. Inoltre furono barbaramente e sadicamente trucidati al ponte di Chigiano Francesco Stacchiotti, Piero Graciotti, Lelio Castellani, Alessio Lavagnoli e Giuseppe Paci, mentre il russo Jossin Dimitrov venne fucilato in vicinanza di Corsciano. Infine fu ucciso il civile Attilio Marchetti, che stava lavorando nei campi nella frazione di Ugliano. Un secondo violentissimo scontro si ebbe il 26 aprile sempre a Valdiola ed a Chigiano. La battaglia si allargò ad Elcito dove il nemico subì un vero e proprio tracollo militare. I tedeschi sfogarono allora la loro rabbia contro una famiglia di Valdiola: furono uccisi Venturino Falistocco, il garzone Giuseppe Poeta e un loro ospite, Mario Costantini. In quella giornata di Battaglione Mario ebbe un disperso e due caduti: Tito Panichelli e Luciano Biondi”.

(76)

LEAVE YOUR COMMENT