Home Sport Nova Camers, il sostegno della FIGC con “Il calcio aiuta”

Nova Camers, il sostegno della FIGC con “Il calcio aiuta”

Nova Camers, il sostegno della FIGC con “Il calcio aiuta”
66
0

Tutti in campo nel segno della solidarietà grazie alla straordinaria esperienza che ha coinvolto dirigenza e giocatori della Nova Camers, all’ultima partita di campionato, con l’iniziativa “Il calcio aiuta”, promossa dalla Figc con il patrocinio del ministro dello Sport e la collaborazione dell’ufficio del Commissario straordinario del Governo per la Ricostruzione.

Il progetto, finalizzato a sostenere il ripristino della pratica calcistica nelle aree colpite dagli eventi sismici del 2016, è arrivato nella città ducale e ha trovato pieno accoglimento nel presidente della società calcistica camerte, Gaetano Maccari, ma anche nell’allenatore Roberto Canestrini e nel capitano e guida della formazione rossoverde, Matteo Valzano.

Dalla Figc è arrivato un importante supporto tecnico raccolto grazie anche alla Lega B, alla Lega Nazionale Dilettanti, alla Federazione di San Marino e alla Federazione giapponese ad alcuni partner dell’iniziativa e tramite le donazioni fatte giungere al numero solidale 45525 in occasione dell’amichevole tra la Nazionale italiana e San Marino disputatasi a maggio allo stadio “Carlo Castellani” di Empoli.

Nelle aree colpite dal sisma il progetto “Il Calcio aiuta” ha consentito la fornitura di materiale tecnico, attrezzature sportive, supporto tecnico ed operativo, rimborso spese assicurative nonché la temporanea copertura delle spese amministrative per lo svolgimento delle attività calcistiche.  Tra i servizi offerti ad alcune società anche il trasporto per garantire gli spostamenti dei giovani calciatori sui campi disponibili.

Molti ragazzi rimasti senza una casa e costretti a vivere in strutture temporanee hanno trovato proprio nel mondo del calcio un diversivo utile. La Nova Camers ha fatto di tutto, con il lavoro di dirigenza e staff tecnico, per favorire questo tipo di socializzazione e per fare in modo che questi mesi di grande difficoltà fossero vissuti dai giovani in un clima di serenità, gioco e condivisione.

(66)

LEAVE YOUR COMMENT