Home Spettacolo Musicultura: chiuse le audizioni live. Concerto dei finalisti il 9 aprile

Musicultura: chiuse le audizioni live. Concerto dei finalisti il 9 aprile

Musicultura: chiuse le audizioni live. Concerto dei finalisti il 9 aprile
74
0

Paolo Jannacci, ospite d’onore nel terzo  week end delle audizioni live  di Musicultura, ha letteralmente rapito il numeroso pubblico della Filarmonica con una magistrale  esibizione pianistica incantando i presenti con   “Parigi“ di Paolo Conte, “Come e’ difficile” di Luigi Tenco e con  “Musical” dell’indimenticabile papa Enzo Jannacci, uno dei più grandi artisti italiani di sempre, una canzone  che Paolo convinse il papà a pubblicare dopo ripetute insistenze.

Paolo Jannacci
Paolo Jannacci

A chiudere l’esibizione tra gli scroscianti e infiniti applausi del pubblico “L’Armando”. Jannacci ha poi speso parole bellissime per Musicultura, “una vetrina per tanti giovani talenti, un patrimonio della cultura italiana. E’ importante che ci siano persone che si impegnano per tenere in vita e rafforzare quella che è una vera e propria oasi protetta della canzone d’autore e io li ringrazio per questo”.

La maratona musicale dell’ultima  tre giorni di  audizioni live di Musicultura 2016  ha visto sfilare sul bollente palcoscenico maceratese i sedici concorrenti finali:

Simone Cicconi (Macerata), Giulia Olivari (Bologna), Flavio Secchi (Cagliari), Evol (L’aquila)Giulia Catuogno (Palermo), Jonny Blitz (Campobasso / Roma), Roberto Ribuoli (Pesaro Urbino), Marco Panetta (Roma), Francesca Romana Perrotta (Cesena), Emanuele Colandrea (Benevento / Latina)     , Paolo Jlaceli (Torino), Lontano Da Qui (Roma / Livorno) , Alia (Bergamo), Gianfrancesco Cataldo (Benevento), Siberia (Livorno) e Emanuele Ammendola (Somma Vesuviana – Na)

simonecicconiApplauditissimo dal pubblico il marchigiano Simone Cicconi “Viaggiare significa curare la mia perenne inquietudine” ed è un gran bel viaggio  rock quello che il maceratese Cicconi ha proposto al suo pubblico, davanti al quale è tornato ad esibirsi dopo essere stato uno  degli 8 vincitori di Musicultura nell’edizione 2013. Assolutamente  coinvolgente ed arricchita da una rabbiosa ironia la performance dell’artista che, spalleggiato dai talentuosi musicisti della Kletzmer Band, ha toccato temi personali che diventano universali, come “l’emigrazione  nell’Europa Unita”. Trascinante il finale hard rock di “Simone si è incazzato”, con convincenti riff chitarristici ed una poderosa sezione ritmica. Un “musicista nomade”, Simone Cicconi, che dopo aver cominciato la sua carriera nel mondo delle colonne sonore, lo scorso anno ha pubblicato il suo primo disco da solista, “Troppe note”.

ribuoliUltimo marchigiano in gara Roberto Ribuoli della provincia di Pesaro – Urbino che ha proposto tra i brani “Bassa stagione” e “L’amore retorico” testi intimi in un set musicale basato su sonorità elettroniche, un mezzo che l’artista usa per raggiungere sonorità e suggestioni degli anni 60. Flessibili le vite lavorative, flessibili gli amori nella poetica musicale di Roberto Ribuoli una disincantata critica alla flessibilità che ha convinto il pubblico anche con l’intelligente leggerezza dei suoi testi. “Ogni canzone è scritta con un intento, più che per ambizione” ha dichiarato il cantautore marchigiano.

A vincere l’ambito  riconoscimento della commissione di ascolto  “Un certain regard” per le migliori esibizioni delle tre serate:, Emanuele Colandrea, Flavio Secchi e Gianfrancesco Cataldo

colandreaAutentico trionfatore della serata di apertura audizioni live , Emanuele Colandrea di Latina, che si è aggiudicato sia il Premio “Un certain regard” della commissione di ascolto di Musicultura, che il Premio “Gradimento del Pubblico” grazie al nuovo sistema di voto introdotto quest’anno in Teatro.

Vere perle i  testi dei tre brani proposti da Emanuele Colandrea,“Erika”, “Non mi cercate” e “Guerra tra poracci” . Il cantautore di Latina, che si sta dedicando alla realizzazione del suo primo album di inediti, ha messo in musica i suoi convincimenti esistenziali, “Credo nel vizio di protestare, nella volontà di mettersi in gioco e di mettersi in salvo” “Dimenticavo, non ho whatsapp” .

secchiUna voce calda ed ispirata che accompagna, suadente, un viaggiatore in un’auto che si muove accarezzata da un dolce sole primaverile e’ la voce  del cantautore sardo,  Flavio Secchi, vincitore dell’ ”En Certain Regard” di sabato 27 febbraio che, accompagnato da bravissimi musicisti, ha raccontato  di una compagna di vita che c’è sempre, e di un’ assenza lacerante, quella di un amico fraterno che non c’è più. L’artista isolano, che nel 2013 ha pubblicato il suo primo album cantautorale “Flavio Secchi & the Hall Kitchen”, nel 2014 si è aggiudicato il “Premio La Compagnia”. Grande attenzione ai testi da parte di Flavio, che si fa valere anche come poeta, come dimostra il terzo posto al Premio Internazionale di Letteratura Alda Merini con la poesia “Il Perditore di Treni“.

Una serata di chiusura indimenticabile quella di domenica 28 febbraio per il giovanissimo artista beneventano Gianfrancesco Cataldo, che ha fatto incetta di premi: “Un Certain Regard” della Commissione di ascolto per la migliore esibizione consegnato da Antonio Pettinari, Presidente della Provincia di Macerata e Premio “Gradimento del Pubblico”, assegnato dal pubblico presente in teatro, e consegnato da Giorgio Ligliani, Presidente della Cna di Macerata. Gianfrancesco Cataldo, il cantautore che “non si sente italiano, ma per fortuna o purtroppo lo è” tra Gaber e Daniele Silvestri accompagnato da un gruppo di giovanissimi musicisti conosciuti al Liceo, canta di un amore malato, quello di “Marta”. Tanto amore nelle sue canzoni ma anche temi sociali come quello dell’emigrazione, affrontato nell’ultimo brano con una energia che ha trascinato il pubblico e lo ha spinto a riflettere sulle paure di chi è costretto a lasciare il proprio Paese per cercare un futuro migliore.

L’appuntamento con Musicultura è per il prossimo 9 aprile al Teatro Persiani di Recanati

con il concerto di presentazione dei 16 finalisti della XXVII edizione del Festival con Radio Uno Rai e l’atteso padrino Luca Barbarossa.  Biglietti  disponibili su vivaticket.it e le biglietterie del circuito Amat. info:071 7574320.

(74)

LEAVE YOUR COMMENT