Home Lifestyle Macerata, un progetto per l’infanzia e i giovani dopo il lockdown

Macerata, un progetto per l’infanzia e i giovani dopo il lockdown

Macerata, un progetto per l’infanzia e i giovani dopo il lockdown
26
0

Il progetto So.Stare del Comune di Macerata, selezionato dal Dipartimento delle Politiche della Famiglia nell’ambito del bando EduCare, è volto a potenziare le iniziative a favore dei giovani e dell’infanzia dopo il lockdown. I contenuti riguardano l’avviamento alla musica e all’arte, le attività all’aperto negli spazi verdi comunali, dei nidi e delle scuole d’infanzia, per bambini e ragazzi da 0 a 19 anni

Il progetto, in partnership con Risorse Cooperativa Sociale ETS e l’associazione UT-RE-MI onlus, potrà beneficiare di un finanziamento di 150 mila euro per promuovere iniziative sul territorio nell’arco di sei mesi. La comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri è giunta al Comune in questi giorni.

Il progetto So.Stare si muove sulla linea di azioni dirette all’inclusione sociale, al contrasto della povertà educativa minorile, alla tutela dell’ambiente e alla promozione di stili di vita sani.

Ciascun partner si occuperà di un filone d’intervento. Il Comune di Macerata, capofila, curerà un atelier all’aperto con i nidi e scuole d’infanzia nei parchi urbani e scolastici, sulla scia anche dell’esperienza maturata in questi anni con il progetto QUIsSI CRESCE!, nonché laboratori di fumetto e illustrazione per guardare alla città con altri occhi, attenti alla bellezza.

L’aspetto della musica sarà curato dall’associazione UT-RE-MI onlus con laboratori di costruzione di strumenti musicali, il fare orchestra e la musica nel parco, mentre Risorse Cooperativa promuoverà iniziative nella natura, come corsi di fotografia naturalistica, orienteering, piano urbanistico dei giovani, corsi trapper ed escursioni nel territorio.

(26)

LEAVE YOUR COMMENT