Home Sport Lube-Sir Safety 3-0, Gara 5 martedì a Perugia per lo scudetto

Lube-Sir Safety 3-0, Gara 5 martedì a Perugia per lo scudetto

Lube-Sir Safety 3-0, Gara 5 martedì a Perugia per lo scudetto
48
0

La Lube torna grande all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche davanti a 4300 spettatori, trascinata letteralmente dai suoi tifosi.

La formazione di Ferdinando De Giorgi batte la Sir Safety Conad Perugia con un nettissimo 3-0 (25-20, 25-21, 25-19) in Gara 4 della finale playoff di Superlega Credem Banca, riportando in perfetta parità la serie che vale il titolo di campione d’Italia.

Lo scudetto, come già avvenuto nella passata stagione tra le medesime pretendenti, si assegnerà dunque con Gara 5, in programma martedì prossimo alle 20.30 al Pala Barton di Perugia. 

La partita

I marchigiani, in campo con Simon di nuovo titolare al centro, si aggiudicano il parziale d’apertura in rimonta, dopo che la Sir si era guadagnata un gap di 3 punti grazie ad un contrattacco vincente di Lanza e ad un successivo errore di Sokolov (5-8). La Lube trova tutto in una volta il sorpasso grazie a 3 ace consecutivi firmati da Simon (12-11) e sempre col servizio, stavolta di Leal, mette al sicuro la vittoria del parziale scappando (col 68% di efficacia in attacco) in maniera decisiva sul 18-14, dopo i contrattacchi in serie di Juantorena, Sokolov e Cester, favoriti da una ricezione perugina decisamente balbettante. Finisce 25-20 dopo un ace di Leal (5 punti, 80% in attacco), il quarto della formazione allenata da De Giorgi. 

Stessa trama nel secondo set, con la Cucine Lube che trova il primo break con un muro di Simon su Leon (10-8), e poi scappa sfruttando un errore di Lanza e gli attacchi vincenti di Juantorena (16-12, per lui 100% su 6 schiacciate) e Sokolov (4 punti, 80%), gli uomini più serviti da Bruno anche in fase di cambio palla. E’ comunque Leal a firmare virtualmente il 2-0 mettendo a terra l’ace del 22-18, dopo che il trascinatore Leon (7 punti, 78%) aveva riportato i suoi a -2 (18-16). Chiude sul 25-21 Simon, altro gran protagonista nella metà campo di casa (5 punti).

Nel terzo set, la Cucine Lube va subito in fuga sull’11-8 coi muri di Simon (su Ricci) e Sokolov, tanto basta per convincere Bernardi a pescare dalla panchina per cercare di scuotere is suoi: dentro Berger in posto 4 per Lanza, con il conseguente avvicendamento tra Podrascanin e Galassi al centro, per ottemperare alla regola degli stranieri. La musica, comunque, non cambia: i muri vincenti di Simon e Sokolov, entrambi ai danni di Leon, lanciano l’mvp Osmany Juantorena (9 punti, 69% in attacco) e compagni sul 20-14. Per i biancorossi, che chiudono con uno stellare 70% di squadra in attacco, è l’allungo decisivo verso Gara 5.

Il tabellino

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 14, Kovar, D’Hulst, Marchisio (L) n.e., Juantorena 9, Massari n.e., Stankovic n.e., Diamantini n.e., Leal 10, Cantagalli, Cester 4, Simon 11, Bruno 4, Balaso (L). All. De Giorgi.

SIR SAFETY PERUGIA: Piccinelli, Ricci 4, Hoag, Hoogendoorn n.e., Della Lunga (L) n.e., Seif, Leon 12, Lanza 3, Galassi, Berger, Colaci (L), Atanasijevic 11, De Cecco 1, Podrascanin 6. All. Bernardi.

ARBITRI: La Micela (TN) – Sobrero (SV).

PARZIALI: 25-20 (27’), 25-21 (28’), 25-19 (26’).

NOTE: spettatori 4304, incasso Euro 72.334. Lube battute sbagliate 17, ace 8, muri vincenti 5, 70% in attacco, 60% in ricezione (37% perfette). Sir: battute sbagliate 18, ace 2, muri vincenti 2, 58% in attacco, 37% in ricezione (19% perfette).

I commenti

Ferdinando De Giorgi: “Finora le due squadre hanno dimostrato di far fatica a giocare fuori casa, speriamo che il fattore campo martedì non sia così determinante. Sarà importante ora recuperare e poi prepararla al meglio non solo dal lato tecnico. Ormai ci conosciamo ma è la partita dello scudetto e siamo contenti di giocarci tutto”.

Osmany Juantorena: “Siamo due squadre che in casa giocano bene e fuori faticano. Martedì sicuramente loro avranno una marcia in più avendo il fattore campo ma noi proveremo a giocare al meglio. Dobbiamo scendere in campo concentrati e non con l’idea di aver già perso. Noi oggi volevamo dimostrare che sappiamo giocare contro di loro e non farli festeggiare in casa nostra, e ci siamo riusciti. Ora parlerà solo il campo in gara 5”.

Robertlandy Simon: “Il fattore campo è loro martedì ma noi giocheremo a pallavolo, siamo una grande squadra. Dobbiamo giocare al meglio e non pensare di essere al PalaBarton. Abbiamo lavorato tutto l’anno per questo e siamo qui”.

(48)

LEAVE YOUR COMMENT