Home Cultura “Io solo” di Manuela Taffi, il bullismo visto dai giovani

“Io solo” di Manuela Taffi, il bullismo visto dai giovani

“Io solo” di Manuela Taffi, il bullismo visto dai giovani
132
0

Bullismo e temi sociali al centro del libro di Manuela Taffi “Io solo”, pubblicato da Albatros, che nei giorni scorsi è stato presentato a Muccia, San Severino Marche e Loreto. Un successo editoriale appena iniziato che avrà altre presentazioni in tutta Italia e sarà in vetrina anche al prossimo Salone del Libro a Torino, dal 9 al 13 maggio.

Agli incontri già tenuti (a Muccia e San Severino Marche insieme all’avvocato Mauro Riccioni), sono intervenuti operatori del settore, presidi e insegnanti, famiglie e ragazzi.

Con la sua prima opera letteraria l’autrice ha suscitato subito un grande interesse per gli argomenti trattati e per aver animato un dibattito costruttivo tra operatori del settore, genitori e ragazzi, tanto che molte scuole hanno chiesto di poterne discutere.

In “Io solo”, Nicolas è un qualsiasi adolescente che si trova alle prese con bulli e arroganti. Il protagonista mette nero su bianco in un diario tutti i suoi pensieri finché riuscirà a capire e soprattutto a mettere in pratica gli elementi fondamentali: parlare e reagire. Non solo, imparerà a fidarsi proprio di tutti quelli che prima riteneva non adatti o da evitare. Un racconto che appassiona proprio per la semplicità e scorrevolezza di dialogo, narrato tutto d’un fiato direttamente dall’interessato. Un insegnamento prezioso per adolescenti e genitori. La forza dell’unione e dell’amicizia sarà sempre l’unica a prevalere, così come quella dell’ascolto e del dialogo, tra amici come con gli adulti.

Manuela Taffi, marchigiana, svolge la professione di coach nei campi business, life e sport. Ha conseguito diverse certificazioni sia in Italia che all’estero, tra cui quella in “Dipendenze da Internet: cyberbullismo, grooming e sexting” su come prevenire rischi e dipendenze del mondo virtuale che coinvolgono gli adolescenti.

Da giovanissima ha iniziato a scrivere piccoli racconti, prediligendo contenuti di una certa profondità e sempre più caratterizzati dalla sua forte presenza e interazione con il mondo adolescenziale.

Questa sua prima pubblicazione nel genere narrativo sociale si rivolge ai genitori, ai ragazzi, alle istituzioni scolastiche e a tutte quelle persone sensibili a tematiche di questo tipo, con argomenti attuali quali il bullismo, visti soprattutto dalla prospettiva del giovane.

(132)

LEAVE YOUR COMMENT