Home Spettacolo Il jazz italiano per le terre del sisma, prima tappa a Camerino

Il jazz italiano per le terre del sisma, prima tappa a Camerino

Il jazz italiano per le terre del sisma, prima tappa a Camerino
80
0

Dal 30 agosto al 2 settembre i maggiori musicisti jazz del panorama nazionale porteranno la loro solidarietà alle popolazioni dei territori colpiti dal terremoto. “Il jazz italiano per le terre del sisma” si intitola l’iniziativa, che toccherà Camerino (30 agosto), Scheggino (31), Amatrice (1 settembre) e L’Aquila (2).

La manifestazione è promossa dalla federazione “Il jazz italiano” con l’Associazione I-Jazz, MIDJ (Musicisti Italiani di Jazz) e Casa del Jazz, promossa da MiBAC (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali) e dal Comune dell’Aquila-Comitato Perdonanza, sostenuta da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, in qualità di main sponsor, con il supporto di Nuovo Imaie e il contributo tecnico di Cafim.

La prima tappa è a Camerino, curata dall’Associazione Musicamdo Jazz, giovedì 30 agosto presso la Rocca Borgesca con una maratona musicale a partire dalle 19.30, sino all’attesissimo concerto delle 21.30 con Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura (nella foto).

Si inizia, orario aperitivo con Alberto Napolioni al piano e i Penta Res, formazione che annovera Edoardo Petracci al contrabbasso, Diego Massimini e Andrea Esposto al violino, Vincenzo Pierluca alla viola e Federico Bracalente al violoncello. A seguire, alle 20.30 “Pescara Jazz Messangers” con Emanuela Di Benedetto alla voce, Giulio Gentile al pianoforte, Christian Mascetta alla chitarra, Emanuele Di Teodoro al contrabbasso e Michele Santoleri alla batteria.

Si chiude poi con il concerto delle 21.30 che vede l’eccezionale duo composto dal trombettista Paolo Fresu, direttore artistico della manifestazione, e il bandoneonista Daniele Di Bonaventura, in un concerto davvero imperdibile.

Mentre la musica fluisce in uno dei luoghi simbolo della resistenza camerte al sisma, la rocca posta proprio al confine della zona rossa, a partire dalle 18 sarà possibile gustare un aperitivo o cenare presso l’area food allestita dalle attività commerciali di Camerino colpite dal sisma. In caso di maltempo, tutta la serata si sposterà all’Auditorium Benedetto XIII.

“Il jazz italiano per le terre del sisma” continuerà poi con le altre tre tappe. Il 31 agosto a Scheggino (PG) con una fitta partecipazione di alcuni giovani jazzisti usciti dalla fucina del Premio Internazionale Massimo Urbani di Camerino, l’1 settembre ad Amatrice (RI) e il 2 settembre, per chiudere a L’Aquila con tantissimi concerti e un palco affidato al Marche Jazz Network, dove si avvierà una staffetta musicale tutta marchigiana.

Info: https://www.facebook.com/events/222966171740169/

(80)

LEAVE YOUR COMMENT