Home Attualità Guardia di Finanza scopre maxi frode fiscale di due imprenditori

Guardia di Finanza scopre maxi frode fiscale di due imprenditori

Guardia di Finanza scopre maxi frode fiscale di due imprenditori
71
0

La Compagnia di Civitanova Marche della Guardia di Finanza ha concluso un’articolata indagine di polizia economico-finanziaria e giudiziaria che ha scoperto una maxi frode fiscale di circa 17 milioni di euro. L’indagine, coordinata dal Procuratore della Repubblica Giovanni Giorgio, ha riguardato due soggetti operanti nel settore del commercio all’ingrosso di gomma grezza e plastica.

Le due persone sono state denunciate mentre è stato disposto il sequestro di due appartamenti di pregio, disponibilità finanziarie e quote societarie.

Le indagini hanno riguardato la posizione fiscale degli ultimi quattro anni di una società, con sede fittiziamente dichiarata a Milano, al fine di rendere più difficoltoso un eventuale accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria, ma di fatto attiva nel circondario locale, di cui i due erano soci.

Le Fiamme Gialle, attraverso la consultazione dei numerosi applicativi informatici in uso al Corpo, l’analisi dei conti correnti e l’effettuazione di controlli incrociati con fornitori e clienti della società, hanno ricostruito un giro d’affari, nascosto al Fisco, pari a circa 17 milioni di euro. Da qui la denuncia dei due soci, succedutisi nella carica di amministratore, per i reati di infedele e omessa dichiarazione puniti dagli articoli 4 e 5 del Decreto Legislativo 74/2000.

Dai controlli condotti è inoltre emerso come il legale rappresentante pro tempore, abbia portato in compensazione crediti inesistenti, per l’importo di circa 100.000 euro, con ciò incorrendo nel reato previsto dall’articolo 10 quater del succitato Decreto Legislativo.

Nell’ambito dell’inchiesta, il GIP presso il Tribunale di Macerata ha disposto, su richiesta del Procuratore della Repubblica, il sequestro per equivalente di beni e disponibilità finanziarie, fino alla concorrenza delle imposte evase, pari a complessivi € 4.243.303,70, in relazione al quale i militari della Compagnia hanno sottoposto a sequestro due appartamenti di pregio ubicati nel milanese, di cui uno nel centro del capoluogo meneghino, nonché quote societarie e conti correnti.

La lotta all’evasione fiscale e soprattutto alle grandi frodi costituisce un obiettivo prioritario per la Guardia di Finanza, teso a tutelare non solo le entrate per i bilanci dello Stato e degli Enti locali, ma anche imprese e professionisti che operano nella piena e completa osservanza delle leggi.

(71)

LEAVE YOUR COMMENT