Home Attualità Giorno della Memoria, testimonianze all’Università di Macerata

Giorno della Memoria, testimonianze all’Università di Macerata

Giorno della Memoria, testimonianze all’Università di Macerata
68
0

Testimonianze, conferenze e la mostra fotografica “Il respiro di Auschwitz” hanno avviato le iniziative dell’Università di Macerata per il “Giorno della Memoria”.

“Solo quando mia madre è morta, ho capito la vera sofferenza della sua vita. Ho capito come lei avesse vissuto una vita morta, perché si vergognava di vivere e di essere sopravvissuta”.

A parlare e a scuotere le coscienze della platea nel Giorno della Memoria è Miriam Jaskierowicz Arman, figlia di una coppia ebrea ortodossa sopravvissuta alle atrocità del campo di Bergen-Belsen e testimone di seconda generazione.

L’occasione è stato il seminario “Tenere viva la memoria nel processo di pace: in memoria di Piero Terracinache ha aperto la rassegna artistica e culturale  “Lo scrigno della memoria”, organizzata dall’Università di Macerata per il coordinamento di Clara Ferranti nell’ambito della Rete Universitaria della Memoria in collaborazione con l’Associazione Controvento-Aps e la Rivista “Nuova Ciminiera” e con il patrocinio dell’Ambasciata d’Israele, delle Comunità Ebraiche di Ancona e Parma, della Prefettura di Macerata, della Universal Peace Federation e della Women’s Federation for World Peace e il sostegno dell’Assemblea Legislativa delle Marche.

Miriam Jaskierowicz Arman

Le storie dei genitori di Miriam costituiscono la sua memoria e la sua responsabilità che ha provato a trasmettere ai ragazzi in ascolto: “Cerco di dare a voi un pezzo di quello che sono io, della mia eredità perché anch’io non ci sarò per sempre e a voi sta il compito di andare avanti e portare il messaggio della pace, dell’amore, della memoria. Non si deve odiare per nessun motivo, ma si deve cercare un incontro, una parola, un amore per l‘essere umano, capire cosa vuol dire la vita di un essere umano e il male che un essere umano è capace di fare”.

Maria Gabriella Mieli

È, poi, intervenuta Maria Gabriella Mieli, vice presidente del Women’s Federation for World Peace e responsabile relazioni esterne presso Upf Italia, che ha sottolineato l’importanza di testimonianze come quelle di Miriam. “Abbiamo visto quanto sia forte avere una consapevolezza di quello che è successo e di quanto sia importante per creare una cultura della pace. A me interessa sottolineare come costruirla e in che modo ognuno di noi può contribuire cominciando proprio da se stessi, dal proprio impegno personale”.

Il rettore Francesco Adornato ha evidenziato l’importanza della memoria e il ruolo dell’Università nella sua trasmissione. “È importante celebrare la memoria e anche coltivarla. Il nostro ateneo umanistico lo fa aumentando nei nostri studenti la loro consapevolezza e mostrando quanto la memoria sia costruttrice di pace. Noi educhiamo anche alla partecipazione, alla democrazia e al rispetto della dignità mettendo la persona al centro dell’universo”.

Per l’occasione, il prefetto Iolanda Rolli ha conferito le medaglie d’onore del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ai familiari degli internati Ernesto Giustozzi e Umberto Salvucci, accompagnati dai sindaci di Macerata Romano Carancini e di Morrovalle Stefano Montemarani.

“Restare a guardare senza schierarsi è il peggiore dei mali”, ha sottolineato il prefetto, ricordando le parole di Liliana Segre e di Antonio Gramsci sull’indifferenza.

Il prefetto Iolanda Rolli con i familiari degli internati Umberto Salvucci ed Ernesto Giustozzi

A chiusura della mattinata è stato rappresentato lo spettacolo teatrale “Corpi stramati. Ricordare la memoria”, a cura dello “Sperimentale Teatro A” e de “La Macina”, per la regia di Allì Caracciolo.

Nel pomeriggio è stata inaugurata la mostra fotografica “Il respiro di Auschwitz – La Memoria rende Liberi”, aperta fino al 27 febbraio nella sede UniMC di via Garibaldi 20 (dal lunedì al venerdì ore 8.30-19.30), a cura del Circolo fotografico AVIS “Mario Giacomelli” di Osimo, realizzata da Endrio Figuretti e Luca Cingolani.

Quindi il seminario è proseguito con altri interventi nell’aula Shakespeare del Dipartimento Studi Umanistici. Continuerà anche la mattina di martedì 28 gennaio nella Biblioteca di Ateneo in piazza Oberdan con relazioni di Roberto Mancini, Adele Valeria Messina e Roberto Cresti. Conclusione con il concerto “Il canto delle sapienze”, eseguito da un quartetto d’archi, a cura del M° Riccardo Joshua Moretti.

Altri appuntamenti UniMC il 3 febbraio con la “Giornata del patrimonio artistico e culturale ebraico” e il 7 febbraio con “Il Giorno del Ricordo” dedicato alla tragedia delle foibe e all’esodo giuliano-dalmata.

(68)

LEAVE YOUR COMMENT