Home Cultura Civitanova Marche, il decennale di Popsophia e poi Rocksophia

Civitanova Marche, il decennale di Popsophia e poi Rocksophia

Civitanova Marche, il decennale di Popsophia e poi Rocksophia
31
0

E’ il giorno della celebrazione a Civitanova Marche del decennale di Popsophia, la sera di giovedì 29 luglio, seguito dalla trilogia di Rocksophia il 30, 31 luglio e 1 agosto.

La non stop di giovedì inizia alle 18 nell’area eventi dello Shada Club sul lungomare Piermanni di Civitanova Marche.  Ci sarà Massimo Donà, filosofo e jazzista, che proporrà un “rap filosofico” tra pensieri e contaminazioni. Poi, sul tema musicale e sul rapporto tra note e idee, interverrà anche Alessandro Alfieri che offrirà un’anticipazione sul tema “Rocksophia”, il fil rouge della trilogia pensata per le serate successive al Varco sul mare e che con il format del philoshow e Carlo Massarini come moderno Virgilio parlerà di David Bowie, Jim Morrison e Franco Battiato.

Dello stereotipo della “brava bambina, brava moglie, brava mamma” parlerà la filosofa Maura Gancitano dei Tlon, mentre la giornalista Angela Azzaro  condurrà il decennale in un percorso tra filosofia e diritto.

Chi influenza l’influencer? Si può sfuggire all’ossessione trend topic? Queste le domande alla base della riflessione di Riccardo Dal Ferro, noto per il suo podcast Daily Cogito e per il libro “Spinoza e popcorn”.

La filosofia delle serie Tv sarà, invece, al centro dell’indagine di Tommaso Ariemma che spiegherà perché è possibile trovare l’imperativo categorico kantiano anche in una serie tv come Lost.

Salvatore Patriarca interverrà sulla mitologia del contemporaneo analizzando i cambiamenti che Google, Amazon e i social media hanno portato nelle nostre vite e nei nostri comportamenti sociali.

Saranno poi presenti Andrea Colamedici dei Tlon che parlerà della filosofia come pratica collettiva per pensare insieme e Selena Pastorino che sposterà la dimensione dal pensiero al corpo con una riflessione sulla filosofia della danza.

Cesare Catà interverrà sul tema della performance, mentre Simone Ragazzoni, uno dei primissimi amici del festival ci porterà in una vera e propria palestra per riscoprire la filosofia come allenamento.

Già da giorni la prenotazioni sono state talmente numerose che quelle ricevute hanno mandato in esaurimento la disponibilità di posti.

Raccolte tramite il sito popsophia.com, le prenotazioni hanno permesso di effettuare una mappatura delle provenienze geografiche di chi ha scelto gli appuntamenti culturali di Popsophia.

La maggior parte del pubblico proviene dalla provincia maceratese, entroterra e paesi limitrofi a Civitanova Marche, ma tanti sono anche coloro che, fedelissimi del festival, seguono gli eventi da tutta la Regione. Numeri importanti da Ascoli, Fermo, Ancona e Pesaro.

Moltissime inoltre le presenze da fuori Regione e ciò rappresenta la novità di quest’anno. Decine di appassionati di pop filosofia infatti hanno richiesto informazioni sulla mail del festival per “passare le vacanze con Popsophia” e prenotato tutti gli appuntamenti.

In particolare da Veneto, Emilia Romagna e Roma, il pubblico della Rocksophia ha colto subito la portata “storica” di questa edizione prenotando le vacanze a Civitanova Marche proprio nelle giornate del festival.

civitanova marche

“Siamo molto soddisfatti di aver realizzato un format speciale per un posto speciale – ha sottolineato la direttrice artistica Lucrezia Ercoli –. Un programma unitario e non semplici appuntamenti di pop filosofia con ospiti chiamati a parlare di temi generali. Rocksophia è la nostra novità dell’estate. Rappresenta una trilogia che in una spirale dialettica saprà fornire risposte a domande diverse. L’abbiamo pensata proprio per l’arena del Varco, con temi centrati sui tempi che stiamo vivendo. ‘Cambiamento, crisi e cura’, che speriamo possano rappresentare la metafora anche della nostra condizione. La presenza trasversale negli appuntamenti di Carlo Massarini, con cui lavoriamo da tempo per la costruzione di questa trilogia, è la chiave che vogliamo usare per parlare di musica e filosofia. Tutti insieme andremo alla scoperta delle radici culturali del rock, che sono le radici culturali del nostro tempo”.

“Riuscire con gli eventi a realizzare un turismo culturale – ha commentato il sindaco Fabrizio Ciarapica – con arrivi che permangono non solo per la durata dell’incontro/serata, ma che si tramutano in presenze turistiche vere e proprie, è uno degli obiettivi della politica culturale di questa amministrazione. Realizzare questo obiettivo grazie a Popsophia è una grande soddisfazione. Abbiamo sempre creduto nel progetto e ora a darci ragione ci sono anche i numeri dei forestieri che vengono appositamente per Rocksophia, una tre giorni a Civitanova senza precedenti”.

Al momento essendo le prenotazioni chiuse non è possibile ottenere biglietti prima dell’evento. Non sarà aperta una lista di attesa, ma in caso di defezioni dell’ultimi minuto e cancellazioni da parte di chi si fosse già registrato, il festival ha previsto la presenza di staff che potrà verificare in tempo reale la disponibilità di eventuali posti liberi in Arena e far accedere affezionati fino ad esaurimento posti in ordine di arrivo la sera stessa.

(31)

LEAVE YOUR COMMENT