Home Lifestyle Build The Future, costruire il futuro pensando anche all’ospedale

Build The Future, costruire il futuro pensando anche all’ospedale

Build The Future, costruire il futuro pensando anche all’ospedale
20
0

Non solo colori pastello nelle stanze d’ospedale, ma musica di sottofondo nelle sale d’attesa e anche un chiosco dei gelati. Sono solo alcune delle idee che gli studenti delle classi 2°A, 2°E e 2°F della scuola secondaria Dante Alighieri di Macerata avevano suggerito al Direttore dell’Area vasta 3 Alessandro Maccioni nell’ambito del progetto Build The Future e che venerdì scorso hanno avuto occasione di discutere direttamente con lui e con il Direttore Sanitario Massimo Palazzo.

I ragazzi, accompagnati dalle professoresse Maggi e Falaschi, sono stati accolti da Maccioni e Palazzo, dall’assessore Mario Iesari, dalla coordinatrice del progetto Silvia Agnani, dagli altri professionisti del Dipartimento delle Dipendenze Patologiche e del team BTF perché se anche di non facile ed immediata realizzazione, le loro idee possano essere prese in considerazione negli interventi di ristrutturazione e manutenzione già previsti ed in quelli futuri dell’ospedale.

Nel corso del laboratori realizzati dal team psicosociale del progetto Build The Future era stato affrontato il tema dei luoghi dove i ragazzi non si sentono a proprio agio e l’ospedale era emerso in modo chiaro e diffuso come simbolo di angoscia e disagio al punto tale che parecchi studenti avevano manifestato la volontà di renderlo più accogliente; per questo si sono impegnati nella creazione di modellini che hanno riprodotto stanze e sale d’attesa coloratissime, confortevoli e curate nei dettagli. I modellini, poi, sono stati tradotti in linee guida e suggerimenti per l’ASUR. E’ per questo che il direttore Maccioni ha voluto, dopo un momento di confronto sui temi proposti e sul progetto, accompagnare i ragazzi a visitare alcuni punti della struttura chiedendo parere sui colori delle pareti e invitandoli ad ammirare la vista che si scorge dall’ultimo piano dell’ospedale. La salute passa anche attraverso i colori e la bellezza, e questo i ragazzi di Build The Future lo sanno bene.

(20)

LEAVE YOUR COMMENT