Home Cultura Borgofuturo+, il Festival della buona cultura e della ripartenza

Borgofuturo+, il Festival della buona cultura e della ripartenza

Borgofuturo+, il Festival della buona cultura e della ripartenza
49
0

Il Festival Borgofuturo+ torna anche quest’anno, in un periodo a metà strada tra emergenza e ripartenza, proponendo incontri, spettacoli, mostre e altre iniziative per rompere l’isolamento culturale che caratterizza le aree dell’entroterra maceratese.

Infatti, il Festival è organizzato nei Comuni di Colmurano, Loro Piceno, Sant’Angelo in Pontano, Urbisaglia e Ripe San Ginesio, in collaborazione con la Regione Marche, fino al 18 luglio.

L’associazione Borgofuturo da undici anni ha assunto questo ruolo nella convinzione che per il territorio e le sue comunità c’è bisogno di “contagiarsi di buona cultura”.

L’edizione di quest’anno è ancora più partecipata e complessa, in tanti hanno dato una mano nell’organizzazione, contribuendo alla costruzione di un programma denso di idee e grandi artisti.

Borgofuturo+ intende stimolare la riscoperta del valore della prossimità nei luoghi, quelli della vallata, che più di altri rappresentano l’identità di un territorio, di un crocevia di tradizioni e innovazioni, la culla del passato, del presente e del futuro.

L’ampliarsi del territorio di riferimento ha moltiplicato le responsabilità e imposto una trasformazione alla natura del festival. Per il secondo anno consecutivo l’associazione si trova ad interpretare l’identità di una vallata costituita da cinque comuni, ognuno con le proprie peculiarità, l’identità di una comunità che prova a muovere nuovi passi oltre il proprio campanile.

All’interno del Festival è stato lanciato un percorso partecipato per la costruzione dal basso di una prospettiva condivisa per la vallata del Fiastra.

Nell’estate 2021 una seconda sessione di Tavoli Territoriali ospiterà discussioni su una serie di progetti in attivazione nella vallata. L’obiettivo dei tavoli di quest’anno sarà quello di definire le attività necessarie a sviluppare i progetti proposti, definendo le risorse necessarie e identificando potenziali responsabili e collaboratori.

Il programma di Borgofuturo+ parte dagli incontri, il primo già sabato 9 luglio a Colmurano con Cannibali e Re, un progetto collettivo perugino di divulgazione storica che mira a riaccendere l’amore per la storia, ma non quella dei suoi protagonisti, quanto quella dei vinti, degli oppressi, dei senza voce.

Borgofuturo

Poi domenica 10 luglio a Loro Piceno si continua con Giorgio Brizio rappresentante torinese della rete di attivisti ambientali Fridays For Future, che con Sandro Metz di Mediterranea affronterà la giustizia climatica.

Giovedì 15 a Sant’Angelo in Pontano il lo scrittore Lorenzo Mari e il ricercatore Claudio Kulesko su ecologia e antropocene partendo dal progetto di scrittura collettivo TINA, cronache della grande estinzione.

Venerdi 16, sempre a Sant’Angelo in Pontano, un incontro sui cammini, e sul loro ruolo nella narrazione del paesaggio con Alessandro Burbank, poeta-camminatore, e lo storico Augusto Ciuffetti, studioso e esperto dei cambiamenti del nostro territorio. Spazio anche a due esperienze locali: Chiara Caporicci porterà l’esperienza di C.A.S.A. a Ussita, e Ruben Marucci descriverà il lavoro fatto dal gruppo Ricercazione Borgofuturo+

Infine, sabato 17 a Ripe San Ginesio si parlerà del ruolo delle pratiche artistiche all’interno dei progetti di rigenerazione territoriale, con il muralista Nemo’s, il land artist Alberonero e la ricercatrice Ambra Migliorisi.

Musica e spettacoli, di qualità e con grandi artisti, a partire dal jazz con Triobu venerdì 9 luglio nella straordinaria location del Monte dellu Seru, a Colmurano, gruppo capitanato dal grande musicista Daniele Di Bonaventura.

Sabato, sempre a Colmurano, serata dedicata all’hip hop con le Bestierare, gruppo dell’attore Elio Germano, poi spazio alla scena locale, con un microfono aperto che vedrà giovani rapper del territorio improvvisare rime a tema ambientale, concludendo con Dj Gruff, pietra miliare della scena italiana.

Domenica 11 a Loro Piceno il Festival ospiterà l’inedito progetto del duo Francesco Savoretti e Fabio Mina “Le Marche e il suo paesaggio sonoro” ispirato ai suoni e al paesaggio della regione.

Ci sarà il concerto di Don Antonio, progetto dell’ex cantante dei Sacrocuore. E’ invece stato rimandato ad agosto il concerto di The Andre per dare spazio alla finale degli europei.

Si riprende mercoledì 14 luglio nel Borgo di San Lorenzo di Loro Piceno con un progetto del chitarrista dei Subsonica Max Casacci, dedicato ai suoni della terra, e lo spettacolo di musica e proiezioni del duo Fossick Project.

Giovedí 15 a Sant’angelo in Pontano, si comincia con lo spettacolo Intrecci, del Teatro Rebis e poi uno Sleeping Concert, per cui verranno allestiti dei letti in mezzo a un prato circondato da alberi e i musicisti Jacopo Foglietti e Luca Mucci accompagneranno il sonno dei partecipanti con una musica che si fonderà assieme ai suoni della natura.

Venerdì 16, sempre a Sant’Angelo, in collaborazione con il Festival La punta della lingua ci sarà una camminata poetica accompagnata dalle letture di 5 poeti e lo Spettacolo di Max Collini, ex frontman degli Offlaga Disco Pax.

Sabato 17 luglio al teatro a cielo aperto della cava di Ripe San Ginesio, per uno spettacolo del comico Natalino Balasso che porterà il suo ultimo spettacolo Dizionario Balasso. A seguire i duo francese Ko Shin Moon, che fonde l’elettronica e influenze della musica orientale.

Per concludere, domenica 18 nella cornice storica dell’anfiteatro romano di Urbisaglia, James Senese, sassofonista assoluto e pioniere musicale che in mezzo secolo di carriera ha esplorato e messo insieme musica napoletana, rock, jazz, soul e funk.

Altra iniziativa, dal 12 al 16 Luglio, il Social Camp, giunto alla sua quarta edizione. Un programma di formazione residenziale internazionale all’interno della programmazione del Festival Borgofuturo+, che si svolgerà nelle campagne del Vallenzuolo, tra Ripe San Ginesio e Colmurano (MC). Cinquanta persone si incontreranno per cinque giorni di convivialità, laboratori, incontri e dibattiti per affrontare il tema de “La cura” declinato a vario modo: i beni comuni immateriali quali i territori, i paesaggi e le culture locali (come averne cura?), la cura per la famiglia e per i rapporti interpersonali, la cura per il nostro territorio (seguendo il percorso di Borgofuturo).

Finale di Borgofuturo+ domenica 18 luglio con la Maratonda, riproposta dopo il grande successo del 2020.

La Maratonda

La Maratonda è una grande competizione sportivo/folkloristica che toccherà i cinque campanili della Vallata per creare un contesto ricreativo e sportivo che fondi le identità locali con spirito sportivo.

Le varie gare saranno seguite da telecronisti locali e ciascuna rappresenta una peculiarità specifica di ciascun comune: a Loro Piceno la gara della ruzzola, a Sant’angelo la pignatta, a Ripe San Ginesio la gara di briscola e a Urbisaglia un grande spettacolo finale.

Tutto sarà preceduto dal contest “Animali notturni” a cui sono invitati a partecipare tutti i cittadini locali, che potranno riprendere un animale tipico della vallata nella notte per aggiudicarsi un gran premio.

Per partecipare a tutti gli eventi è necessaria la prenotazione. E’ importante arrivare forniti di prenotazione per evitare eventuali assembramenti e rispettare tutte le norme anti-Covid.

Info e prenotazioni: www.borgofuturo.net.

Borgofuturo

(49)

LEAVE YOUR COMMENT