Home Attualità San Severino: oculistica a disposizione dei terremotati, verifiche agli edifici

San Severino: oculistica a disposizione dei terremotati, verifiche agli edifici

San Severino: oculistica a disposizione dei terremotati, verifiche agli edifici
49
0

A San Severino Marche proseguono le verifiche da parte delle squadre incaricate dal Comune negli edifici della citta’, sia pubblici che privati oltre che nelle civili abitazioni. Si continua a raccogliere le segnalazioni della cittadinanza. Le squadre sono composte da un tecnico comunale e da un volontario della Protezione Civile e sono, dunque, facilmente riconoscibili.

L’Amministrazione comunale invita tutti i cittadini a inviare o presentare le proprie segnalazioni al Centro Operativo Comunale – C.O.C. – che viene ospitato al piano terra del palazzo del Comune, accanto all’ufficio Tributi. Per necessità è possibile mettersi in contatto con il C.O.C. chiamando il numero di telefono 0733-641222.  L’ufficio sarà aperto dalle ore 8-13 e dalle 15-19.

Inoltre, il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, ha inviato una lettera di ringraziamenti al direttore generale dell’Area Vasta 3 dell’Asur Marche, Alessandro Maccioni, per la disponibilità e sensibilità dimostrate nel mettere a disposizione delle popolazioni interessate dal tragico evento sismico l’Unita Operativa di Oculistica, diretta dal dottor Vincenzo Ramovecchi, per le necessità sanitarie che eventualmente verranno richieste. Un comunicato è stato inoltrato alla Prefettura di Macerata, al Dipartimento per le Politiche integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile della Regione Marche con lo scopo di informare tutte le autorità competenti.

“Si tratta di una lodevolissima iniziativa che rende merito alla profonda umanità e sensibilità del personale medico, infermieristico e di tutti gli altri operatori sanitari del nostro ospedale – sottolinea il sindaco, Rosa Piermattei, che aggiunge – La nostra Unità operativa è una delle migliori del centro Italia, fiore all’occhiello del nostro ospedale Bartolomeo Eustachio che continua perfettamente a funzionare. Qualcuno si era preoccupato perché, come sindaco, ho dovuto firmare un’ordinanza di sgombero per il centro CUP e tre stanze adiacenti. Il provvedimento si è reso necessario per ragioni di sicurezza, tuttavia esso nulla ha a che vedere con l’agibilità dell’intera struttura. La decisione, assunta d’intesa con il direzione sanitario del presidio, dott.ssa Giovanna Faccenda, non ha comunque comportato disagi per gli utenti”.

(49)

LEAVE YOUR COMMENT