Home Attualità Riaperta la Valnerina a fasce orarie, messa in sicurezza la frana

Riaperta la Valnerina a fasce orarie, messa in sicurezza la frana

Riaperta la Valnerina a fasce orarie, messa in sicurezza la frana
207
0

Riaperta al traffico locale la strada provinciale 209 Valnerina, per ora in modalità provvisoria. In attesa del completamento dei lavori, il transito è consentito durante tre fasce orarie: 7-8, 12-13 e 17-18.

Alla cerimonia, tra Visso e Preci, è intervenuto il ministro delle infrastrutture Graziano Delrio, insieme ad autorità regionali umbre e marchigiane. I lavori, iniziati lo scorso mese di agosto, hanno consentito di mettere in sicurezza il versante roccioso che, con una frana di 60 mila metri cubi di detriti, ha ostruito la viabilità.

Il ministro Graziano Delrio apre la Valnerina

Il ministro Delrio ha sottolineato che “si sta lavorando per creare prospettive di sviluppo, dotando le comunità locali delle infrastrutture necessarie. C’è un piano di investimenti massiccio e pluriennale per le zone colpite dal sisma perché non c’è sviluppo senza connessioni”.

“Un passo in avanti, compiuto con grande soddisfazione”, è quanto ha sottolineato il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli alla riapertura odierna. “Il valore delle strade è strategico per ripartire – ha continuato Ceriscioli -, lungo la loro percorrenza passano la vita delle persone e la normalità necessaria per ricostruire. Le infrastrutture sono necessarie per i territori. Ripristinare i collegamenti è fondamentale per la loro crescita economica”.

L’assessore regionale ai Trasporti dell’Umbria Giuseppe Chianella ha parlato di “una giornata importante, in quanto riprendono le relazioni che il terremoto ha interrotto”.

Il presidente Anas Gianni Vittorio Armani he evidenziato la complessità degli interventi effettuati: “Questa prima apertura provvisoria dà respiro al traffico locale, altrimenti costretto a lunghi percorsi alternativi”. Giuliano Pazzaglini, sindaco di Visso, ha concluso la cerimonia sottolineando come la riapertura della strada consenta di recuperare “vivibilità alla comunità locale”.

(207)

LEAVE YOUR COMMENT