Home Economia Marche, entro il 2023 Banda Ultra Larga in tutta la regione

Marche, entro il 2023 Banda Ultra Larga in tutta la regione

Marche, entro il 2023 Banda Ultra Larga in tutta la regione
9
0

Il 2023 porterà il completamento del Piano Banda Ultra Larga (BUL) nelle ‘aree bianche’ delle Marche, le zone cioè dove la digitalizzazione è ancora precaria.

Dei cantieri programmati 182 sono stati chiusi alla fine del 2022, mentre i restanti 35 saranno completati entro i prossimi dodici mesi.

“Un risultato significativo – spiega il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli – sul quale ci siamo concentrati fin dal primo giorno del nostro insediamento. Avevamo ereditato un importante ritardo sui cantieri e questo orizzonte temporale  ci consegna la prospettiva di una regione finalmente adeguata alle esigenze di famiglie e imprese. Il divario digitale è il grande tema sociale ed economico che affligge le aree interne, montane e i tanti piccoli borghi della nostra regione, ovvero quelle definite ‘aree bianche’ o ‘a fallimento di mercato’. Zone poco attrattive per gli operatori, cantieri che la Regione ha invece sostenuto tramite gli interventi realizzati da Open Fiber, con l’obiettivo di garantire a tutti i cittadini le stesse opportunità . La nostra giunta, dal suo insediamento nell’ottobre 2020, ha sempre considerato il tema della connettività un dossier nevralgico nella strategia complessiva di rilancio delle Marche e delle aree interne in particolare. Quest’attenzione ha impresso uno slancio nuovo al cronoprogramma dei lavori, che fino a quel momento avevano cumulato centinaia di giorni di ritardo. Impegno rinnovato nel febbraio dello scorso anno durante l’incontro con Mario Rossetti, Amministratore Delegato di Open Fiber”.

Marche

“In un momento storico – afferma Andrea Maria Antonini, assessore regionale allo Sviluppo Economico e alla Digitalizzazione – in cui tutti i servizi della pubblica amministrazione migrano verso il digitale, l’assenza di una connessione adeguata non può più essere declassata a semplice disservizio: le reti di nuova generazione sono perciò una necessità imprescindibile e non più rinviabile per cittadini e imprese. Un’urgenza resa ancora più eclatante dalla pandemia, caratterizzata dal massiccio ricorso alla didattica a distanza e al lavoro agile”.

In questo contesto, le Marche, caratterizzate da una distribuzione demografica estremamente puntiforme, rappresentano al meglio la pressante esigenza di connettività, con ben 176 comuni su un totale di 236 che annoverano un numero di residenti inferiore alle 5mila unità.

“Parliamo di località  – prosegue Antonini – perlopiù distribuite nelle aree interne e montane dove anche inviare una mail o ricevere una telefonata può rappresentare un problema. Problema che stiamo risolvendo con decisione attraverso l’incessante lavoro degli uffici in collaborazione con Open Fiber”.

Marche

“L’accelerazione impressa nelle aree bianche è evidente – sottolinea Ferdinando Gandolfi, responsabile Network&Operations Area Centro di Open Fiber – e i risultati raggiunti nelle Marche ne rappresentano l’esempio plastico. Nel solo 2022 è stato fatto in tutta Italia il 50% in più rispetto a quanto fatto complessivamente dall’inizio delle attività di Open Fiber fino al dicembre 2021. Tutto ciò significa che la macchina sta girando a una produttività tale da permetterci di rispettare i piani condivisi nel giugno scorso con il Ministero dello Sviluppo Economico e Infratel Italia”.

I dati sull’evoluzione dei cantieri aggiornati a dicembre 2022 confermano tali impegni e premiano sia la forte volontà politica di accelerare la realizzazione dell’infrastruttura, sia la capacità della nuova governance di Open Fiber di rispettare i tempi, nonostante le incertezze che caratterizzano lo scenario internazionale a causa del vertiginoso aumento del costo delle materie prime.

Oltre ai 182 cantieri chiusi a dicembre 2022 e ai 35 da completare entro il 2023, i principali dati sull’avanzamento dell’infrastruttura BUL nelle Marche registrano che i Comuni coinvolti sono 155, di cui 126 in fibra o fibra +FWA e 29 solo in FWA (Fixed Wireless Access, sistema di trasmissione dati che prevede l’uso di una rete mista, formata in parte da una rete cablata in fibra ottica e in parte da una rete che sfrutta le frequenze radio), con 165.920 unità immobiliari, di cui 124.013 in FTTH (Fiber To The Home, la fibra fino a casa); le sedi della pubblica amministrazione interessate sono 999 (tra cui 350 scuole e le soluzioni abitative di emergenza dislocate su 11 comuni); la progettazione esecutiva completata è al 98%; l’infrastruttura in fibra realizzata è di 1.750 km (stima fine dicembre 2022), + 60% rispetto al 2021.

(9)

LEAVE YOUR COMMENT