Home Lifestyle Macerata, mille mascherine donate da Il Prato alla Polizia Locale

Macerata, mille mascherine donate da Il Prato alla Polizia Locale

Macerata, mille mascherine donate da Il Prato alla Polizia Locale
134
0

Mille mascherine sono state donate da Aldo Pievero, titolare dell’esercizio commerciale Il Prato, al Comando della Polizia locale di Macerata. Un gesto di solidarietà molto apprezzato dal Comandante Danilo Doria in questo periodo di emergenza epidemiologica, impegnativo su più fronti ma soprattutto su quello della sicurezza e del rispetto delle regole dettate dai vari decreti governativi.

Il Prato è un noto negozio maceratese di prodotti per animali da compagnia e per il giardinaggio, con sede in via dei Velini 190.

Il Comandante Doria, consapevole delle esigenze e del bisogno di presidi sanitari da parte di alcuni enti, ha consegnato parte delle mascherine all’Asur Area Vasta 3 e il restante quantitativo all’Azienda Pubblica Servizi alla Persona IRCR di Macerata.

Accompagnato dai Commissari Fiorenzo Fiorani e Alessandro Crescenzi, Doria ha recapitato personalmente il materiale nelle mani del Direttore dell’Area Vasta 3 Alessandro Maccioni, del Direttore generale dell’IRCR Francesco Prioglio e della responsabile della struttura Eleonora Morelli.

“Un grazie di cuore ad Aldo Pievero – interviene il Comandante Danilo Doria – che ha compiuto un gesto, oltre che di solidarietà, anche di riconoscimento nei confronti della Polizia locale che ha potuto fronteggiare nell’immediatezza le emergenze. Infatti di mascherine ne avevamo già un certo quantitativo ma averne di più significa mettere in sicurezza il nostro operato quotidiano ma anche quello di altre persone che vivono, come tutti noi, in primo piano, questo momento difficile e complicato. Il nostro gesto è stato particolarmente apprezzato dai direttori dei due enti e non nascondo che il momento della consegna è stato emozionante perché abbiamo potuto toccare con mano cosa significa dare e ricevere aiuto, anche se di un piccolo aiuto si tratta, per soddisfare necessità che hanno a che fare con la sanità e con le persone anziane”.

(134)

LEAVE YOUR COMMENT