Home Lifestyle Macerata, la Befana torna a scendere dalla Torre dei Tempi

Macerata, la Befana torna a scendere dalla Torre dei Tempi

Macerata, la Befana torna a scendere dalla Torre dei Tempi
120
0

Venerdì 6 gennaio, in piazza della Libertà a Macerata, la Befana tornerà a scendere dalla Torre dei Tempi dopo due anni di assenza.

Ad aprire l’appuntamento nella centrale piazza maceratese sarà alle ore 16 l’arrivo delle Befane a cavallo.

Seguirà alle 17 l’elezione di Miss Befana, il concorso alla quindicesima edizione organizzato dalla Pro Loco di Villa Potenza che proclama la vecchina più simpatica e originale, grazie alla giuria formata da bambini e bambine.

Presentato da Alessandra Pierini e Claudio Ricci, lo spettacolo vedrà la partecipazione, con esibizioni a tema, dei bambini e delle bambine di Oltakademi, la scuola di ballo di Olta Shehu.

Ospite speciale Nicole Marzaroli, giovanissima e talentuosa cantante che nel 2017 è arrivata seconda allo Zecchino d’oro.

Alle 18 è in programma la straordinaria e scenografica discesa della Befana dalla Torre, curata dai Vigili del Fuoco di Macerata.

macerata

“L’appuntamento del 6 gennaio – ha commentato l’assessore comunale al Turismo Riccardo Sacchi – sarà una vera e propria festa di popolo e di piazza, la degna conclusione di oltre 35 giorni di eventi del cartellone natalizio che ha superato ogni nostra aspettativa a livello di pubblico, di presenze, di coinvolgimento, di incoming turistico con positive ricadute economiche. Anche in questo caso ci aspettiamo una grande partecipazione con bambini e famiglie che potranno vivere un momento magico e coinvolgente”.

“La Pro Loco di Villa Potenza – ha aggiunto Giuseppe Luzi, presidente del sodalizio organizzatore – è orgogliosa di poter tornare nella magnifica piazza della Libertà per l’evento Miss Befana e dare vita a un momento di aggregazione e felicità per bambini, genitori e nonni. Per un pomeriggio torneremo tutti bambini dimenticando, anche solo per un attimo, le cose brutte dell’anno passato per lasciare spazio alla condivisione e alla festa”.

(Foto di archivio)

(120)

LEAVE YOUR COMMENT