Home Attualità A Macerata Congresso nazionale del Corpo di Soccorso Alpino e Speleologico

A Macerata Congresso nazionale del Corpo di Soccorso Alpino e Speleologico

A Macerata Congresso nazionale del Corpo di Soccorso Alpino e Speleologico
42
0

Si parla di soccorso di emergenza in questi giorni a Macerata. A discuterne sono autorevoli relatori, tra i maggiori esperti in campo nazionale in tema di soccorso per calamità naturali o in luoghi difficili da raggiungere. L’occasione è data dal Congresso nazionale del Corpo di Soccorso Alpino e Speleologico incentrato sul Soccorso in ambiente impervio, che si tiene per tutta la settimana nella sala Castiglioni e all’asilo Ricci. Patrocinato dal Comune e dal 118, è promosso anche dalla Scuola nazionale medici del soccorso alpino del Cnsas e dalla Commissione medica del soccorso speleologico.

L’iniziativa vede più di sessanta iscritti, tra medici e infermieri dell’emergenza e del pronto soccorso, persone che operano in strutture in grado di intervenire in caso di eventi drammatici e calamità naturali che qui a Macerata fanno il punto sulle principali novità in campo sanitario per operare in modo in modo sempre più celere ed efficace.

soccorso-in-ambiente-impervioesercitazioni-allostello-ricci

Al centro del convegno anche il soccorso durante il terremoto, un argomento approfondito grazie alla presenza di Andrea Sebastiani, infermiere di Amatrice che la notte del 24 agosto dopo aver messo in salvo la sua famiglia si è prodigato per aiutare i suoi concittadini. Sul suo operato e sulla descrizione della drammatica situazione si sta concentrando la parte scientifica del congresso per poter far emergere difficoltà e soluzioni sempre nuove per portare aiuto in situazioni e ambienti difficili da raggiungere.

L’assessore alla Protezione civile Alferio Canesin ha portato ieri mattina il saluto dell’amministrazione comunale e della città agli intervenuti rallegrandosi con l’organizzazione per aver scelto Macerata come sede di un congresso nazionale che mette al centro un argomento così importante e attuale. Canesin ha poi donato un crest con lo stemma di Macerata al direttore della Scuola medici del soccorso alpino Mario Milani.

Il convegno è dedicato all’anestesista anconetana morta in Nepal durante il tragico terremoto dello scorso anno Gigliola Mancinelli, esponente di punta del Soccorso alpino nazionale, esperta del soccorso in ambienti impervi e medico all’elisoccorso di Fabriano, e a Fabrizio Spaziani, medico del 118 medaglia d’oro al valor civile, morto nel 2009 durante un tentativo di soccorso alpino.

(42)

LEAVE YOUR COMMENT