Home Attualità Il presidente Gentiloni in visita a Muccia e alla Simonelli

Il presidente Gentiloni in visita a Muccia e alla Simonelli

Il presidente Gentiloni in visita a Muccia e alla Simonelli
54
0

Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni ha visitato Muccia, uno dei comuni del maceratese più colpiti dal sisma del 2016 e dove il 10 aprile scorso si è registrata una scossa di magnitudo 4.6. A riceverlo il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, l’assessore regionale alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti e il sindaco Mario Baroni. Presenti il commissario straordinario Paola De Micheli e il capodipartimento della Protezione Civile nazionale Angelo Borrelli. 

Muccia è stata anche sede di un incontro tra Gentiloni e alcuni sindaci di comuni terremotati che hanno chiesto una revisione della perimetrazione del cratere, per dare priorità alle zone più colpite e snellire la ricostruzione.

Il presidente del consiglio ha detto che “bisogna accelerare la ricostruzione privata e cercare di capire se per i Comuni particolarmente colpiti, più colpiti degli altri, ci possono essere impegni anche normativi particolari. La cosa più importante è dare un messaggio di fiducia a un territorio meraviglioso, pieno di risorse culturali, naturali e gastronomiche. Non può essere abbandonato e non sarà abbandonato. La presenza qui del Governo sta a significare questo”.

Gentiloni ha voluto rassicurare che “l’azione del Governo non si interrompe in attesa del prossimo Governo, continua attraverso la figura del commissario straordinario, attraverso la protezione civile, attraverso i sindaci la Regione e le comunità, lo Stato continuerà a fare la sua parte. L’auspicio è che la ricostruzione e il sostegno alla crisi resti fondamentale, credo che alle popolazioni di questi territori debba esser dato messaggio di continuità”.

Secondo Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche, l’incontro con il premier “è stata l’occasione per i sindaci di raccontare le questioni che nascono dall’esperienza quotidiana sempre con gli stessi obiettivi: accedere alla ricostruzione e avere strumenti per il rilancio del territorio, poter collaborare fino all’ultimo con un governo che è sempre stato presente e fortemente si è impegnato per il sisma”.

Gentiloni nella sede Simonelli Group; in alto a Muccia con alcuni scolari, il presidente della Regione Luca Ceriscioli e il sindaco Mario Baroni

In precedenza, Gentiloni è stato nel comune di Belforte del Chienti per visitare la nuova sede aziendale di Simonelli Group, accolto all’ingresso del Centro direzionale dal presidente del gruppo Nando Ottavi, dal sindaco di Belforte Roberto Paoloni e dal prefetto di Macerata Roberta Preziotti.

Il presidente Gentiloni nella visita allo stabilimento ha potuto costatare l’elevato grado di tecnologia e informatizzazione del processo produttivo che pone l’azienda tra le più impegnate sul piano del cosiddetto modello “Industria 4.0”, volto a migliorare – anche sotto l’aspetto della sostenibilità – le condizioni di lavoro e aumentare produttività e qualità produttiva.

“Questa azienda di successo – ha detto Gentiloni rivolgendosi a dirigenti e maestranze –, di cui mi avevano spesso parlato come della ‘Ferrari delle macchine da caffè’, è un’eccellenza dell’industria manifatturiera italiana che può essere portata da esempio per almeno tre principali fattori: l’abilità a innovare continuamente, la capacità di coniugare la valorizzazione delle proprie risorse umane con l’utilizzo di elevata tecnologia e l’attenzione alla sostenibilità ambientale in grado di associare il mercato globale con il territorio.”

Ottavi, nel porgere a nome dell’intero team il saluto al presidente del Consiglio, ha sottolineato il forte legame che da 82 anni esiste tra l’azienda e il territorio dove è nata (Cessapalombo) e si è sviluppata (Tolentino e poi Belforte del Chienti). “Benché la nostra azienda sia da molti anni commercialmente operativa soprattutto all’estero, con tre sedi dislocate negli Stati Uniti d’America, a Singapore e in Francia, ed una presenza commerciale in 121 paesi, tutto nasce qui a Belforte del Chienti – ha sottolineato Ottavi -. Qui si sviluppano le strategie aziendali e qui realizziamo l’intera produzione di macchine professionali per caffè (esportate per oltre il 90%), di entrambi i nostri brand: Nuova Simonelli e Victoria Arduino”.

Con particolare interesse il presidente Gentiloni si è soffermato nei laboratori dell’International Hub for Coffee Reserach and Innovation, costituito insieme all’Università di Camerino, dove il direttore Flavio Corradini e il rettore Claudio Pettinari hanno illustrato l’attività svolta e presentato i ricercatori che vi operano.Dopo la fabbrica, il presidente Gentiloni ha visitato il Centro direzionale di Simonelli Group, inaugurato lo scorso ottobre, soffermandosi nei due showroom dove, tra le altre, ha potuto ammirare la “Aurelia Wave”, evoluzione della prima macchina Nuova Simonelli ad aver ottenuto la certificazione per l’alto livello di ergonomia e la “VA388 Black Eagle” di Victoria Arduino, designata macchina ufficiale dei Campionati mondiali per baristi, la cui prossima edizione si svolgerà a giugno ad Amsterdam.

(54)

LEAVE YOUR COMMENT