Home Sport Abilità e passione, auto d’epoca in gara nel Trofeo Scarfiotti

Abilità e passione, auto d’epoca in gara nel Trofeo Scarfiotti

Abilità e passione, auto d’epoca in gara nel Trofeo Scarfiotti
154
0

Due giorni di sport e turismo con il 23° Trofeo Scarfiotti per auto d’epoca, consueto appuntamento di metà giugno organizzato dal CAEM “Lodovico Scarfiotti”. Da Montegiorgio nel fermano, base logistica per le operazioni preliminari e la partenza, le due tappe si sono concentrate nel vicino alto maceratese. Il Trofeo vuole onorare il grande campione dell’automobilismo Lodovico Scarfiotti nel 50° anniversario della scomparsa avvenuta in Germania nel giugno 1968.

Cinquantotto sono state le prove a cronometro disputate a Montegiorgio nel parcheggio dell’Ippodromo sabato e domenica, poi a Sarnano sul classico percorso che termina a Sassotetto, teatro della celebre cronoscalata, oltre a Pioraco e Loro Piceno. Una quarantina gli equipaggi partecipanti, tra i quali il palermitano Rossi-Rossi e il triestino Grio-Scrigner per una significativa “unità d’Italia”, sottolineata dal presidente CAEM Roberto Carlorosi.

Primo Paciaroni (a sx) premiato da Maurizio Speziali e Alberto Ghini

A cogliere il suo secondo successo assoluto nel Trofeo Scarfiotti è stato Gian Paolo Paciaroni su A112 del 1974, del club organizzatore e campione in carica Formula ASI, che con 218 penalità ha messo in fila nell’assoluta e nella Post 1965 il treiese Andrea Carnevali su Alfa Romeo Spider 2000 del 1980 e il pisano Fabrizio Angiolelli su Alfa Romeo GT Veloce del 1972.

Andrea Doria di Montecosaro su Fiat 508 del 1935 ha poi vinto la Ante 1940 e Luigino Senigagliesi di Potenza Picena su Lancia Appia Lusso del 1960 la Post 1940.

Andrea Doria su Fiat 508 del 1935 

Soddisfazione da parte degli equipaggi per la bellezza del percorso e le visite culturali che hanno arricchito il programma della manifestazione.

I partecipanti hanno potuto visitare il Museo della Carta a Pioraco, sostare nella suggestiva San Lorenzo al Lago di Fiastra ricevuti dal sindaco Claudio Castelletti e nella seconda giornata l’Ippodromo San Paolo di Montegiorgio. Infine, Loro Piceno con il sindaco Ilenia Catalini ha accolto calorosamente la carovana per l’ultima sezione di prove di abilità disegnata nel centro storico, le visite al Museo delle Due Guerre Mondiali, al Museo del Vino Cotto, alle Cucine del Monastero del ‘600 e gli assaggi del delizioso prodotto locale.

Le premiazioni sono state effettuate dal Presidente ASI Maurizio Speziali e dal Commissario ASI Alberto Ghini.

Classifica assoluta: 1° Paciaroni (A112/1974) p.218; 2° Carnevali-Renzi (Alfa Romeo Spider 2000/1980) p.324; 3° Angiolelli-Dell’Antico (Alfa Romeo GT Veloce/1972) p.478; 4° Veralli-Anselmicchio (Lancia Fulvia Montecarlo/1970) p.511; 5° Paradisi (Porsche 924 Martini/1977) p.599; 6° Magnanini-Valentini (Lancia Fulvia Coupé/1966) p.767; 7° Rossi-Rossi (Alfa Romeo Giulia Sprint GT Veloce/1966) p.999; 8° Grio-Scrigner (Bmw 1602/1971) p.1128; 9° Senigagliesi-Morichetti (Lancia Appia Lusso/1960) p.1253; 10° Caglini-Bugiardini (Alfa Romeo Giulia GT Junior/1971) p.1343.

Primo Paciaroni su A112 del 1974
Fabrizio Angiolelli su Alfa Romeo GT Veloce del 1972

(154)

LEAVE YOUR COMMENT