Home Cultura Sistema Biblioteca digitale Marche, una card e tanti servizi

Sistema Biblioteca digitale Marche, una card e tanti servizi

Sistema Biblioteca digitale Marche, una card e tanti servizi
13
0

Accedere gratuitamente a e-book integrali dei maggiori best seller, a un’edicola digitale con giornali nazionali ed esteri, riviste anche specializzate in tutte le lingue del mondo, perfino musica su portali come Spotify e usufruire di sconti sui biglietti della programmazione teatrale marchigiana per gli spettacoli organizzati dall’AMAT.

E’ il progetto Sistema Biblioteca digitale Marche (MLOL), di cui fanno anche parte le città di Macerata e di Fermo, un servizio attivato recentemente dalla Regione, che ha coordinato i cinque capoluoghi di provincia in una rete di cooperazione tra biblioteche su tutto il territorio, e fruibile con un’unica card “Marche Cultura”.

Macerata e Fermo sono capofila, insieme a Ascoli, del polo Bibliomarchesud che comprende i rispettivi territori provinciali. Nelle rispettive biblioteche ci si potrà iscrivere alla piattaforma collegata al portale http://marche.medialibrary.it, una vetrina dove scegliere quello che più interessa: dalla letteratura per l’infanzia ai saggi storici, dagli audiolibri all’alta ricerca universitaria che si riceveranno via mail o attraverso una App sul cellulare o in altri dispositivi informatici.

“La Biblioteca Mozzi Borgetti innova i suoi servizi e diventa sempre più accessibile a tutti. App, web, libri audio tutto scaricabile e gratuito. L’innovazione a servizio della conoscenza e del benessere è una grande scelta, importante farlo in collaborazione con la rete delle città”, afferma l’assessore alla Cultura di Macerata Stefania Monteverde.

Per l’assessore alla Cultura del Comune di Fermo Francesco Trasatti si tratta di “un servizio innovativo, utile, facilmente fruibile che affianca al tradizionale sistema di consultazione anche quello offerto delle moderne tecnologie, consapevoli che lo storico servizio di consultazione e prestito nelle biblioteche rimarrà sempre tale, con la sua magia e la sua efficacia ma che insieme a quello digitale potrà magari anche incentivare la lettura e la voglia di frequentare fisicamente e realmente i patrimoni delle nostre biblioteche”.

Il nuovo Sistema regionale supera la logica dei quattro Poli bibliotecari di differenti dimensioni che hanno funzionato finora con servizi non del tutto omologhi, per garantire condizioni di accesso e livello qualitativo dei servizi uguali per tutti.  Il sistema è articolato in due Poli territoriali Bibliomarchenord (Province di Ancona e Pesaro-Urbino) e Bibliomarchesud (Province di Macerata, Fermo, Ascoli Piceno).

La Regione Marche ricorda che, entrando in un network nazionale quale MediaLibraryOnLine, “può, da oggi, erogare ai cittadini servizi innovativi digitali, capaci di veicolare on-line contenuti ad alto consumo culturale. Sono stati destinati a questa misura 337.000 euro del programma POR FESR 2014-2020 in un triennio, ripartendo le somme sulla base di parametri di densità abitativa ai cinque Comuni capoluogo di provincia, individuati come partner per la migliore attuazione del progetto”.

(13)

LEAVE YOUR COMMENT