Home Spettacolo Morgan e Sananda Maitreya tra gli ospiti di Musicultura

Morgan e Sananda Maitreya tra gli ospiti di Musicultura

Morgan e Sananda Maitreya tra gli ospiti di Musicultura
51
0

Venerdì 21 giugno allo Sferisterio di Macerata seconda serata di Musicultura, il Festival della Canzone popolare e d’autore condotto da Enrico Ruggeri e Natasha Stefanenko. Prosegue la tre giorni in diretta su Rai Radio 1, con la partnership di Rai3, Rainews 24 e Tgr per i festeggiamenti dei primi 30 anni del festival con una nuova tornata di grandi ospiti: Sananda Maitreya & The Sugar Plum Pharaohs, Morgan, The BeatBox con Roma Philarmonic Orchestra, Andrea Purgatori e The André.

A sfidarsi a suon di note per l’ambito  titolo di vincitore assoluto del Festival Musicultura, diretto da Piero Cesanelli, gli otto artisti  finalisti dell’edizione 2019: Luca Bocchetti (Roma)  con FuriusFrancesco Lettieri (Giugliano, NA) con La mia nuova età; Lo Straniero (Asti) con Quartiere italiano; Lavinia Mancusi (Roma), con  Ninù; Paolantonio (Catania) con  Questa assurda storia; Gerardo Pozzi (Vittorio Veneto, TV) con Badabum; Enzo Savastano (Benevento) con Le mogli dei cantanti famosi; Francesco Sbraccia (Teramo) con Tocca a me.

Natasha Stefanenko con i finalisti

Attesissimo sul bollente palcoscenico del Festival Sananda Maitreya, & The Sugar Plum Pharaohs, il poliedrico artista, compositore e produttore multi-strumentista prima noto come Terence Trent D’Arby, negli anni Ottanta e Novanta, ha creato hits come “Wishing Well”, “Delicate”, “Sign Your Name”, “Let Her Down Easy”, “O Divina”. All’apice della sua notorietà, nel 1995, abbandona il nome d’arte che lo ha reso famoso per diventare Sananda Maitreya. Nel 2001 cambia anche legalmente il suo nome ed afferma: “Terence Trent D’Arby è morto. Dopo un intenso dolore ho meditato per un nuovo spirito, una nuova consapevolezza ed una nuova identità”. Crea una propria etichetta, la TreeHouse Publishing e nello stesso anno pubblica Wildcard, l’album riscuote gli apprezzamenti della critica internazionale, segnalandosi anche per il particolare successo di O Divina. La sua successiva produzione discografica: Angels & Vampires, Nigor Mortis, The Sphinx, Return to Zooathalon, The Rise Of the Zugebrian Time Lords, Prometheus & Pandora, è rigogliosa, suggestiva e contraddistinta da una scrittura raffinata unita alla sua inconfondibile voce. Sananda Maitreya è uno di quegli artisti che quando imbraccia uno strumento o emette una nota materializza sul palcoscenico tutta la storia del blues e del soul e a Musicultura porterà una speciale testimonianza del suo grande e multiforme talento.

Sananda Maitreya

Morgan, l’artista genuino e talentuoso del panorama italiano ritorna a Musicultura dopo quattordici anni per portare il suo sacro fuoco artistico sul palco del Festival. The Beatbox accompagnati dalla Roma Philarmonic Orchestra offriranno un grande omaggio alla leggenda dei Beatles. Quando si parla dei Beatles, The Beatbox è la migliore band europea per far rivivere le intense emozioni del quartetto di Liverpool: il rispetto per i brani originali, la cura dei dettagli, dalla strumentazione ai costumi, danno un tocco di sacralità ai loro live.  La Roma Philarmonic Orchestra, diretta da Stefano Trasimeni, composta da   quaranta elementi, ricreerà la veste sinfonica che ha contribuito a rendere immortali le canzoni dei Beatles.

Morgan

Tra gli ospiti, The André il giovane artista nato come fenomeno su Youtube e passato subito ai dischi e ai tour.  Il misterioso ragazzo che ha la stesa voce di De Andrè si esibisce a volto coperto con paio di occhiali polarizzati e una felpa col cappuccio, accompagnato solo dalla chitarra.

Atteso ospite della parola, nella seconda serata di Musicultura, Andrea Purgatori, giornalista d’inchiesta, sceneggiatore per TV e cinema, ha realizzato reportage sugli Anni di Piombo e sui grandi conflitti internazionali durante gli anni ’80 (Iraq, Iran, Algeria). Tra i film scritti Il muro di gomma (1991, Nastro d’Argento per la sceneggiatura), Il giudice ragazzino (1994, Golden Globe per la sceneggiatura), Fortàpasc (2009), L’industriale (2011) e il soggetto di Vallanzasca (2011). Conduce il programma Atlantide su La7.

Domenica 23 giugno appuntamento con la finalissima della XXX edizione del Festival. Sul grande palcoscenico dell’Arena Sferisterio si esibiranno Daniele Silvestri, Angelique Kidjo, Rancore e Carlotta Natoli. Sarà il pubblico presente alle serate ad incoronare il vincitore assoluto del Festival 2019 al quale andranno i 20.000 € del Premio UBI Banca. I biglietti per assistere alle serate di spettacolo sono in vendita sul circuito Vivaticket.

Anche venerdì 21 giugno la Controra, sezione della manifestazione che si svolge in centro città, un festival nel festival con appuntamenti a ingresso libero, in bilico tra cultura, arte e spettacolo, attende il pubblico in piazze, cortili e palazzi del centro storico di Macerata.

Alle 18, nella sala del Centrale Plus (Piazza della Libertà, 23), The André “Cantare la trap con la voce di Faber. Un ragazzo misterioso, un originale esperimento”.

Nel Cortile di Palazzo Conventati, alle 18.30, Andrea Purgatori con Ennio Cavalli, Grande giornalismo e “Quattro piccole ostriche”.

Alle 18.45 in Piazza Cesare Battisti, Morgan, Le canzoni della mia vita, con Roberto Manfredi.

Info e programmi su www.musicultura.it

(51)

LEAVE YOUR COMMENT