Home Sport Lube-Trentino Itas 3-2, finalissima mondiale con il Sada Cruzeiro

Lube-Trentino Itas 3-2, finalissima mondiale con il Sada Cruzeiro

Lube-Trentino Itas 3-2, finalissima mondiale con il Sada Cruzeiro
59
0

Cucine Lube Civitanova disputerà la sua quarta finale consecutiva in altrettante apparizioni al Mondiale per Club.

Ma quanta sofferenza per arrivarci, nella semifinale la Trentino Itas ha ceduto solo dopo un tiratissimo tie break (25-20, 22-25, 23-25, 25-20, 21-19).

Al Ginasio Divino Braga di Betim, in Brasile, i campioni d’Italia riscattano a tre anni di distanza lo scivolone con Trento nella Finalissima del 2018 in Polonia e altre delusioni internazionali con l’Itas.

lube

Un risultato che consente alla Lube di difendere il titolo conquistato nel 2019 (ultima edizione disputata) con lo stesso avversario di allora, il Sada Cruzeiro che nell’altra semifinale tutta brasiliana ha battuto il Funvic Natal 3-1.

La Finalissima per il primo posto è in programma alle ore 00.30 italiane di domenica 12 dicembre.

Per seguire l’incontro: diretta TV Sky Sport Arena e live streaming NOW (telecronaca di Stefano Locatelli e Michele Gallerani, con commento tecnico di Andrea Zorzi); live streaming su Volleyballworld.tv con telecronaca in lingua inglese; diretta Radio Arancia con la radiocronaca di Gianluca Pascucci; aggiornamenti live anche sui profili ufficiali Lubevolley Instagram, Facebook e Twitter.

lube

La partita

Nel derby italiano succede di tutto. Dopo il dominio biancorosso iniziale, è Trento a comandare il gioco, ma i gialloblù si incartano nel quarto set e sprecano lo sprint siglato in avvio di tie break salvo poi giocarsela fino all’ultimo.

Anche in questa terza gara iridata il top scorer è Yant con 28 punti e il 68% di efficacia, una furia anche Simon con 18 punti e il (74%). Sul fronte opposto si distingue Michieletto (23).

Il match si decide per due azioni e per la lucidità dei campioni d’Italia. Civitanova attacca e batte meglio, Trento brava soprattutto a muro.

Biancorossi in campo con lo stesso starting six dei primi due match: De Cecco al palleggio, opposto Garcia Fernandez, Simon e Anzani al centro, Yant e Lucarelli laterali, Balaso libero.

Trentini disposti con Sbertoli al palleggio, Lavia schierato come opposto, Podrascanin e Lisinac al centro, Michieletto e Kaziyski in banda, Zenger libero.

lube

Il primo set (25-20) vede una Lube chirurgica (79% in attacco), trainata dagli 8 punti di uno scatenato Yant (100% di efficacia con 1 ace e un block), innescato dal miglior De Cecco, che sfrutta il potenziale offensivo anche al centro. Proprio un primo tempo con Simon, seguito dall’attacco di Garcia e dall’ace di De Cecco, propizia lo strappo decisivo (20-15).

Nel secondo set cambia il canovaccio (22-25), Trento è più sul pezzo, la Lube perde smalto in attacco (45%) e in ricezione, anche se Yant continua a fare il suo lavoro (6 punti con il 60%). Si procede a strappi, fatali in volata due infrazioni dei biancorossi intervallati da un errore.

Il terzo set (23-25) è tiratissimo e l’ingresso di Zaytsev per Garcia sul 14-15 fa leva anche sul fattore emotivo dei biancorossi, che mettono il naso avanti col muro di Simon (21-20) e conducono fino al pareggio di Michieletto (23-23) per poi subire il mani out del nuovo entrato Pinali e scivolare sull’attacco out di Yant.

lube

Nel quarto set (25-20) il gioco sembra cristallizzato (14-14). Per la Lube entra lo Zar, ma sul 18-18 la differenza la fanno il servizio di Lucarelli e gli errori dei gialloblù in attacco (22-18), poi Yant allunga il match.

Al tie break (21.19) Trento sembra più in palla, ma sul 7-10, la Lube si rianima e va sul 13-11 con un contributo importante di Simon e un memorabile di Sottile, entrato al servizio. Nel finale Civitanova va sul 14-12, si fa acciuffare a muro (14-14), ma Anzani è glaciale e Yant mostra i muscoli. La firma finale è di Lucarelli alla settima palla match dopo averne annullata una Trento.

lube

Il tabellino

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Garcia Fernandez 11, Kovar, Sottile, Marchisio, Juantorena ne, Jeroncic (L) ne, Balaso (L), Zaytsev 5, Lucarelli 17, Diamantini ne, Simon 18, De Cecco 4, Anzani 8, Yant 28. All. Blengini.

TRENTINO ITAS: Kaziyski 15, D’Heer ne, Michieletto 23, Sbertoli 2, Cavuto, Pinali, Coser ne, Dell’Osso ne, Lavia 17, Zenger L, Podrascanin 6, Lisinac 10, Sperotto, De Angelis (L). All.: Lorenzetti

ARBITRI: Ivaylo Ivanov (BUL), Hector Ortiz (PUR)

PARZIALI: 25-20 (21’), 22-25 (25’), 23-25 (27’), 25-20 (24’), 21-19 (23’) Tot.:120’

NOTE: Civitanova 23 battute sbagliate, 5 ace, 4 muri vincenti,61% in attacco, 61% in ricezione (22% perfette). Trento 18 battute sbagliate, 1 ace, 7 muri, 52% in attacco, 47% in ricezione (24% perfette).

lube

I COMMENTI

GIANLORENZO BLENGINI  (allenatore): “E’ stata una grande battaglia, contro un avversario che come noi ha cercato fino alla fine di conquistare la finale. Siamo molto felici di avercela fatta. Abbiamo iniziato la partita molto bene, poi ci stava un po’ sfuggendo di mano nel secondo e nel terzo set, anche se in realtà le nostre occasioni le abbiamo avute pure in quei parziali lì, e non siamo riusciti a sfruttarle causa le difficoltà al servizio. Non abbiamo mollato, siamo rimasti attaccati alla partita, anche nel tie break in cui siamo stati nettamente sotto all’inizio. Siamo felicissimi, ora dobbiamo riposarci perché la battaglia è stata veramente lunga, e naturalmente vogliamo prepararci sia con la mente che con il fisico anche per la battaglia che ci aspetta nella resa dei conti”.

DANIELE SOTTILE: “E’ stata una partita sofferta, dura e complicata. Alla fine ne siamo usciti nel miglior modo possibile, dimostrando che siamo una grande squadra, un grande gruppo. Sono naturalmente felice di aver potuto dare il mio contributo, ma ciò che conta veramente è la vittoria. Domani in finale ci aspetta un’altra battaglia tosta, ma sicuramente ci faremo trovare pronti. Difenderemo a denti stretti il titolo di campioni del mondo”.

(59)

LEAVE YOUR COMMENT