Home Attualità Giornata malattie rare, a Camerino il convegno “Ricerca: #ilfuturononcrolla”

Giornata malattie rare, a Camerino il convegno “Ricerca: #ilfuturononcrolla”

Giornata malattie rare, a Camerino il convegno “Ricerca: #ilfuturononcrolla”
68
0

Martedì 28 febbraio alle 9.15, in occasione della Giornata Mondiale sulle malattie rare che si celebra in tutto il mondo, l’Università di Camerino in collaborazione con l’Associazione “Il Cortile di Edy” organizza il convegno “Ricerca: #ilfuturononcrolla”, che si terrà presso l’Auditorium Benedetto XIII.

Il convegno, che ha ottenuto il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità, sarà aperto dai saluti del Rettore dell’Università di Camerino Flavio Corradini, della Presidente dell’Associazione “Il Cortile di Edy” Edy Renzetti, del Sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, del Presidente dei Consulenti del lavoro della Provincia di Macerata Riccardo Russo, dell’Arcivescovo di Camerino e San Severino Marche S.E. Mons. Francesco Giovanni Brugnaro.

Seguiranno poi gli interventi di Domenica Taruscio, direttrice del Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità su Malattie rare e reti di riferimento europeo: ricerca e sanità pubblica; di Anna Ficcadenti, responsabile del Centro Unico Regionale per le Malattie Rare dell’Azienda Ospedaliera Torrette di Ancona sulla rete delle malattie rare nella Regione Marche; di Fiorenzo Mignini, docente Unicam della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute su Medicina narrativa: un caso di omocistinuria ad esordio in età adulta; di Domenico Coviello, vice Presidente del Comitato ‘i Malati Invisibili’ su La presa in carico del malato orfano di diagnosi.

Al termine dell’incontro si terrà il concerto dell’Orchestra giovanile “Punto di Valore” della città di Termoli e contestualmente saranno assegnate due borse di studio da destinare a due studenti della Scuola del Farmaco e dei Prodotti della Salute e della Scuola di Giurisprudenza di Unicam.

16681534_1833629580248754_6995504425930546243_n

(68)

LEAVE YOUR COMMENT